La Difesa fa bene al Paese. Parola del ministro Trenta

La Difesa fa bene al Paese. Parola del ministro Trenta
La titolare del dicastero della Difesa è intervenuta a Roma alla cerimonia di chiusura dell'anno accademico del Casd, con il cambio della guardia del suo presidente. Lascia Massimiliano Del Casale e arriva Fernando Giancotti

“La Difesa è un patrimonio comune e condizione indispensabile per lo sviluppo della nostra società”. Parola del ministro della Difesa Elisabetta Trenta, che oggi a Roma è intervenuta alla cerimonia di chiusura dell’anno accademico 2018-2019 del Centro alti studi della Difesa (Casd), tenutasi nella sede di Palazzo Salviati.

ASPETTI ESSENZIALI DELLA DIFESA

Un’occasione utile, ha detto la Trenta, “per riflettere, davanti ad un uditorio tanto ampio e qualificato, su alcuni aspetti essenziali che riguardano la Difesa italiana, aspetti sui quali ritengo sia estremamente utile e importante mantenere vivo il dibattito, a tutti i livelli, per far crescere la consapevolezza nel Paese dell’importanza delle Forze armate”.

CHI C’ERA A PALAZZO SALVIATI

Accanto al ministro, non a caso, c’erano quasi tutti gli alti vertici militari, il capo di Stato maggiore della Difesa Enzo Vecciarelli, il capo dell’Esercito Salvatore Farina, il capo dell’Aeronautica Alberto Rosso, il comandante generale dei Carabinieri Giovanni Nistri e il segretario generale della Difesa Nicolò Falsaperna. Per la Marina, prossima all’avvicendamento, c’era il sottocapo Paolo Treu, dato tra i papabili sostituti dell’ammiraglio Valter Girardelli, ormai vicino alla scadenza dell’incarico.

IL CAMBIO DI PRESIDENZA

C’erano poi il generale dell’Esercito Massimiliano Del Casale e il generale dell’Aeronautica Fernando Giancotti, rispettivamente presidente uscente ed entrante del Casd. “Il presidente – ha detto la Trenta – è un incarico di fondamentale importanza per la centralità che la formazione qualificata e lo sviluppo della cultura della Difesa rivestono per la nostra Organizzazione, temi sui quali stiamo puntando la nostra attenzione, nella convinzione che la componente umana sia la base di ogni capacità per garantire la difesa del Paese”.

IL VALORE DELLA FORMAZIONE

Nel suo intervento, la titolare di palazzo Baracchini ha posto l’accento proprio sulla formazione, ricordando anche l’Istituto alti studi della Difesa (Iasd) e l’Istituto superiore di stato maggiore interforze (Issmi). Nati in seno al Casd, “perseguono gli obiettivi di alta formazione e professionalizzazione della dirigenza militare e civile non solo della Difesa e della Guardia di Finanza, ma anche di esponenti delle istituzioni, delle diverse realtà economiche, sociali ed industriali, delle Università, dell’informazione, delle libere professioni e di enti e organismi privati”. Anche per questo, la Difesa fa bene al Paese.

ultima modifica: 2019-06-12T19:06:00+00:00 da Luigi Romano