Più censura per tutti (anche per Google). È Putin, bellezza

Più censura per tutti (anche per Google). È Putin, bellezza
Bavaglio a YouTube? Mosca non gradisce che le violenze della polizia contro i manifestanti siano trasmesse in streaming, e chiede provvedimenti a Google

Il governo russo ha chiesto a Google di non promuovere quelli che ha chiamato “eventi di massa illegali” su YouTube, ossia di non far circolare le manifestazioni che hanno invaso le strade di Mosca per chiedere elezioni libere sabato. Ne parla in anteprima la Reuters. Il watchdog delle comunicazioni statali Roscomnadzor ha contestato che le persone usassero le notifiche push di YouTube per promuovere streaming live delle dimostrazioni.

Se il gigante del websearching non risponde all’invito di Roscomnadzor, “la Federazione Russa lo considererà come un’interferenza negli affari sovrani dello stato, nonché un’influenza ostile che ostacola lo svolgimento di elezioni democratiche”, ha scritto in una dichiarazione l’agenzia del Cremlino, senza specificare quale azione avrebbe intrapreso. È quello che sembra essere una richiesta di censura con tanto di minacce.

Le proteste di sabato hanno visto decine di migliaia di persone scendere nelle strade della capitale russa e in altre città dopo che anche alcune celebrità e youtuber del paese hanno invitato i loro milioni di follower sui social media a partecipare alle manifestazioni organizzate dalle opposizioni escluse dal voto in modo arbitrario e pretestuoso.

La maggioranza putiniana soffre una crisi di consensi, il presidente ha uno dei più bassi livelli di approvazione del suo ventennio politico, il suo partito, Russia Unita, perde voti. In mezzo problematiche di vario genere — dalla crisi economica agli incidenti militari, fino agli incendi catastrofici in Siberia — che alzano il nervosismo. Sabato è girato molto sui social network un video in cui si vedono due poliziotti arrestare una manifestante inerme, con uno di loro che la colpisce in un seno mentre l’altro la tiene ferma.

Non è la prima volta che Google viene messo sotto pressione da Roscomnadzor — e secondo alcune informazioni ha già modificato all’inizio di quest’anno i risultati di ricerca in Russia per rimuovere i siti Web inseriti nella lista nera, dopo essere stato minacciato di multe se non lo avesse fatto.

Negli ultimi cinque anni, la Russia ha introdotto leggi più severe che impongono ai motori di ricerca di eliminare alcuni risultati di ricerca e ai servizi di messaggistica per condividere chiavi di crittografia con servizi di sicurezza e social network per archiviare i dati personali degli utenti russi su server all’interno del Paese.

Mosca ha una storia di pressioni normative su Google, che tra l’altro è il principale dei rivali della società di ricerca russa Yandex. Alla fine del 2018, la Russia ha multato la società di Mountain View per non aver rispettato un requisito legale per rimuovere alcune voci dai suoi risultati di ricerca.

All’inizio dell’anno, Google ha rimosso una campagna pubblicitaria su YouTube del leader dell’opposizione russa Alexei Navalny dopo che le autorità avevano usato il fatto che i video stavano violando una legge che proibiva la certe attività prima del voto per i governatori regionali. Nei giorni in cui le attuali proteste sono iniziate, le autorità russe hanno arrestato subito Navalny, fermato con una sorta di decisione di polizia preventiva prima che potesse partecipare alle manifestazioni.

 

ultima modifica: 2019-08-12T11:20:18+00:00 da Ferruccio Michelin

 

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: