L’Italia è un alleato affidabile ma…Il messaggio di Pompeo a Roma

L’Italia è un alleato affidabile ma…Il messaggio di Pompeo a Roma
La democrazia, la libertà, il commercio libero e equo, lo stato di diritto, sono questi i “medesimi valori” che Italia e Stati Uniti condividono e su cui si basa il rapporto reciproco secondo le note che arrivano alla stampa dal governo italiano per raccontare la visita del segretario di Stato statunitense, Mike Pompeo

La democrazia, la libertà, il commercio libero e equo, lo stato di diritto, sono questi i “medesimi valori” che Italia e Stati Uniti condividono e su cui si basa il rapporto reciproco secondo le note che arrivano alla stampa dal governo italiano per raccontare la visita del segretario di Stato statunitense, Mike Pompeo.

IL VIAGGIO EUROPEO

Tappa di un viaggio in Europa, Roma (con puntata cruciale al Vaticano) e poi l’Abruzzo (paese di origine del numero due di Donald Trump), è un alleato fondamentale nella Nato, un leader e garante della sicurezza nella comunità internazionale, oltre che un partner affidabile”, rimbalza il dipartimento di Stato Usa.

IL RUOLO DELL’ITALIA

Contatti molto cordiali: gli Usa ristabiliscono i rapporti con un governo che lo stesso Trump aveva promosso prima della creazione, frutto dell’empatia personale col premier Giusepp(i) Conte. Che oggi ha visto Pompeo. “L’Italia gioca un ruolo cruciale nel garantire la sicurezza transatlantica, in particolare nell’assicurare il fianco sud della Nato attraverso la sua presenza nella Libia e nel mondo, in Iraq, Kosovo, Libano e in Afghanistan”, ha detto Pompeo.

LA QUESTIONE DAZI

Siparietto durante le foto di rito dopo l’incontro, nella sala dei Galeoni di Palazzo Chigi, con l’inviata del programma “Le Iene” che ha consegnato una pezzo di parmigiano al segretario di Stato americano per ricordare una delle questioni sul tavolo: il rischio dell’aumento delle tariffe sull’export italiano negli Usa. Risate di Pompeo, mentre il premier Conte ha reagito con un “adesso le spiego il modo per dimostrare di essere italiani. Lasci fare a me il presidente del Consiglio, lei si accomodi fuori”. La questione dazi è sul tavolo, ma il governo è fiducioso di usare le ottime relazioni per evitare conseguenze negative.

ultima modifica: 2019-10-01T19:41:26+00:00 da Ferruccio Michelin

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: