Tutti contro Macron (anche gli avvocati). La Francia allo sfascio raccontata da Malgieri

Tutti contro Macron (anche gli avvocati). La Francia allo sfascio raccontata da Malgieri
Il problema agitato dagli avvocati è quello di tutti (o quasi) i francesi ormai: la riforma delle pensioni. Se non la ritirerà, rischia di evaporare politicamente dopo solo una stagione. L'approfondimento di Gennaro Malgieri

Tutti contro Emmanuel Macron. Il presidente più impopolare della Quinta Repubblica, se la deve vedere anche con gli avvocati. E le toghe non sono state da meno dei gilet jaunes quanto ad arroganza. Non era mai accaduto, almeno in tempi relativamente recenti, che la classe forense si schierasse apertamente contro l’inquilino dell’Eliseo. Macron aggiunge anche questo record ai già molti conquistati, tutti negativi.

Il problema agitato dagli avvocati è quello di tutti (o quasi) i francesi ormai: la riforma delle pensioni. Quando gli avvocati hanno appreso che anche loro erano finite nel provvedimento “egualitario” di Macron non ci hanno pensato due volte e hanno proclamato agitazioni dirompenti, scioperi, manifestazioni simboliche quali mai si erano viste in Francia. Davanti a tutti i tribunali hanno gettato le toghe. A Parigi il piazzale antistante la Corte di Cassazione è stato ricoperto totalmente. L’astensione dalle udienze è stata attuata in tutto il Paese. I legali hanno giudicato la decurtazione delle pensioni, già non particolarmente ricche, come un affronto, un’offesa all’ordine forense. E a Macron gliel’hanno giurata.

La Francia è nel caos più totale. Si attendono soltanto le mosse degli impiegati dello Stato e degli alti funzionari che ancora non sono stati toccati perché il quadro della rivolta sia completo. Tutti gli altri, infatti, hanno dichiarato inimicizia al presidente e non gliela faranno passare liscia se non ritira il provvedimento. Del resto, la riforma che abolisce i regimi speciali equiparando tutte le pensioni in un unico regime, rappresenta un vero è un vero e proprio insulto per la professione forense.

Finora la pensione minima di un avvocato transalpino è di 1400 euro netti che diventerebbero 1000: decurtata di quasi un terzo dell’importo. Per di più  la tassazione sui guadagni verrebbe addirittura raddoppiata, passando dal 12 al 24%. Una perdita oggettivamente eccessiva del potere d’acquisto per una professione tutt’altro che privilegiata, soprattutto per i giovani esposti alla precarietà e di difficilissimo accesso, come in Italia del resto.

Lo sciopero andrà avanti almeno fino al 29 gennaio, in attesa della grande manifestazione nazionale che si terrà in tutta la Francia il  prossimo 3 febbraio.

Al di là della protesta in sé, l’azione insospettabile degli avvocati mina le fondamenta della unità degli operatori della giustizia e sferra un colpo durissimo allo Stato. Se dai pensionati comuni, ferrovieri o agricoltori, ci si può attendere una iniziativa del genere, da chi incarna la giustizia (sia pur diversamente dalla magistratura che finora non è stata toccata dalla riforma) è quasi una sfida al potere costituito, al governo e dunque al presidente.

Giorni sempre più duri per Macron. Isolato in Europa, isolato in Francia, contestato dal ceto medio, svillaneggiato, insieme con Eduard Philippe, dagli avvocati.

Non c’è nessuno, neppure tra coloro che lo hanno votato, disposto a difenderlo. Non ne ha azzeccata una finora e, dal vento che spira a Parigi si prevede che il tempo volgerà al peggio. I partiti si organizzano. Marine Le Pen è già scesa in campo chiudendo qualsiasi illazione sulla sua intenzione di correre per la presidenza nel 2022. Si sta preparando. E cerca di coinvolgere molti dei fuoriusciti di République, gli ex-gollisti che hanno abbandonato Sarkozy, Fillon e Juppé. Ma anche la destra radicale si prepara mettendo da parte distinguo e dissapori. Storcerà la bocca, ma l’occasione per dare la spallata a Macron non se la lascerà sfuggire.

Se le categorie professionali, i piccoli imprenditori, gli artigiani che costituivano la forza della “destra repubblicana”, passeranno armi e bagagli nelle file del Rassemblement national, la lotta sarà tra la destra e la sinistra – non sappiamo se ancora guidata da Jean-Luc Mélenchon. E En Marche! evaporerà dopo aver danzato una sola stagione. Macron può cominciare a preparare il suo discorso d’addio. Almeno così sembra.

ultima modifica: 2020-01-24T10:00:13+00:00 da Gennaro Malgieri

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: