Gli Stati Uniti fanno rotta verso Marte. Con il rover Perseverance e il primo elicottero extra-terrestre, si apre per gli Usa la nuova era dell'esplorazione spaziale. Ci vorranno sette mesi per arrivare sul Pianeta rosso da Cape Canaveral. La corsa è appena iniziata. Con il commento di Giorgio Saccoccia, presidente dell'Asi

È il giorno di Marte per gli Stati Uniti. Tra qualche ora, quando in Italia mancherà una decina di minuti a mezzogiorno, partirà verso il Pianeta rosso il rover Perseverance, alla ricerca di tracce di vita umana, presente o passata. La missione si chiama Mars 2020, e inaugura i nuovi piani di esplorazione interplanetaria a stelle e strisce.

IL VIAGGIO VERSO MARTE

A bordo di un razzo Atlas V, il più grande vettore a disposizione degli Usa, la missione Mars2020 decollerà dalla base spaziale di Cape Canaveral, in Florida. Dovrebbe arrivare a destinazione il 18 febbraio 2021, trasportando con sé la tecnologia più avanzata per l’esplorazione marziana. L’attenzione è tutta per il rover Perseverance, che ha nel mirino il cratere Jezero. Con un carico superiore del 50% rispetto a quello portato nel 2012 da Curiosity (era la missione Mars Science Laboratory), avrà come compito principale la raccolta di alcuni campioni di polvere marziana, in vista della futura missione (targata Nasa-Esa) per il loro recupero e trasporto a Terra. Tra le novità della missione in partenza dalla Florida c’è anche Ingenuity, un piccolo drone-elicottero che dovrà testare la fattibilità del volo nell’atmosfera del Pianeta rosso. Nel complesso, per la missione Mars 2020, la Nasa ha già speso 2,4 miliardi di dollari e altri 300 milioni di dollari sono stati stanziati per il primo anno di operazioni di Perseverance.

GLI OBIETTIVI USA

Per gli Stati Uniti, si apre così la “new era for deep space exploration and development”, espressione con cui la Casa Bianca ha titolato il suo ultimo report per i programmi spaziali. Presentato solo pochi giorni fa, ha i toni epici utili alla campagna di Trump, ma descrive obiettivi già condivisi dai democratici. Redatto dal National Space Council, chiama a raccolta su Luna e Marte i vari dipartimenti dell’amministrazione, gli attori privati e i partner internazionali. Se per il satellite naturale il programma Artemis è stringente, con ritorno dell’uomo entro il 2024 e poi presenza stabile in superficie e nell’orbita, per il Pianeta rosso si prevedono tempi più lunghi, ma non per questo rilassati.

LA CORSA CON LA CINA

D’altra parte, il viaggio di Mars2020 avviene in contemporanea a quello di Tianwen-1, la prima missione interplanetaria della Cina. È partita la scorsa settimana per portare su Marte un orbiter, un lander e un rover, capace di muoversi sulla superficie del Pianeta rosso per circa un mese. rriveranno a destinazione a febbraio, dopo un lungo viaggio iniziato su uno dei tanti razzi a disposizione di Pechino, il “Lunga marcia 5”, decollato dalla base di Wenchang, sull’isola di Hainan lungo la costa sud del Paese, inaugurato circa tre anni fa. D’altra parte, la finestra “utile” per raggiungere Marte è piuttosto stretta, concentrata ogni due anni in poco più di un mese, cioè quando i due pianeti sono più vicini. Per il 2020, a inaugurarla sono stati gli Emirati Arabi con il lancio della sonda Hope, cioè “speranza”.

IL COMMENTO DI SACCOCCIA

“È un momento molto importante per lo spazio a tutto tondo: stiamo assistendo a una incredibile corsa verso Marte, con missioni di Paesi diversi che apriranno nuove porte per comprendere il pianeta”, ci ha spiegato Giorgio Saccoccia, presidente dell’Agenzia spaziale italiana (Asi). “Saranno missioni che avranno la capacità di farci fare un passo avanti importantissimo a livello di tecnologie con una forte accelerazione e con evidenti ricadute, perché lo Spazio – ha aggiunto – ha dei grandi ritorni in termini di applicazioni terrestri dei propri investimenti”.

Condividi tramite