La ricerca dell'antidoto continua ma l’azienda americana è già pronta per fare una serie tv, mentre il presidente Trump sosterrà la multinazionale specializzata in fotografia che vuole trasformarsi in una fabbrica farmaceutica

Il mondo, colpito dalla pandemia Covid-19, è alla ricerca disperata di un vaccino. Tutte le risorse sono concentrate in questo obiettivo. Sembra che alcune iniziative, come quella dell’Università di Oxford, hanno imboccato la strada giusta.

Ma c’è chi già in questo percorso vede il fascino e il potenziale per raccontare una storia sulla pandemia coronavirus. È il caso di Hbo, che sta preparando una serie televisiva sulla ricerca mondiale del vaccino Covid-19.

Si tratta di una mini-serie basata sul libro di non-fiction The First Shot (La prima iniezione) del giornalista Brendan Borrell, esperto di medicina e industria farmaceutica. A carico della produzione c’è Adam McKay, regista e sceneggiatore, vincitore di un Oscar per il film La grande scommessa.

La serie spera di raccontare la corsa per il vaccino Covid-19, la forma nella quale funzionano le imprese e come gli individui gestiscono la situazione, così come il mondo della scienza attorno a quest’obiettivo così ambito e importante.

Il progetto è di McKay in esclusiva per Hbo, con il quale ha un accordo. Il regista ha una casa di produzione chiamata Hyperobject Industries, ma lavora molto per la piattaforma. Insieme alla serie sul Covid-19, McKay sta sviluppando una miniserie su Jeffrey Epstein, una serie sul cambiamento climatico e la versione televisiva del film Parasite di Bong Joon Ho, vincitore dell’Oscar.

Altra azienda che cerca nel virus un’opportunità è Kodak. In fallimento dal 2012, la multinazionale specializzata in pellicola e attrezzatura fotografica ha deciso di trasformarsi e produrre ingredienti medicinali contro il coronavirus. Tra questi la famosa idrossiclorochina, tanto elogiata dal presidente Trump.

Per questo piano conta su un prestito del governo americano per circa 765 milioni di dollari, uno dei primi concessi dalla banca di sviluppo sotto la Legge di produzione di difesa in collaborazione con il Dipartimento di Difesa degli Stati Uniti.

Con questa trasformazione la Kodak riorienterà la produzione delle fabbriche a Rochester, New York e St. Paul, Minnesota, sotto l’impresa Kodak Pharmaceuticals.

L’annuncio ha già dato i suoi primi frutti: le azioni della Kodak sono salite fino al 350% in un giorno, per un valore di 11,80 dollari. Negli ultimi anni non era mai salito oltre i 5 dollari.

Condividi tramite