Due volte Consigliere per la sicurezza nazionale, tra i più celebri strateghi americani su Russia e Medio Oriente, il generale Brent Scowcroft si è spento all'età di 95 anni. Da Ford a Bush, da Nixon a Obama, così l'Atlantic Council ricorda lo statista

“Mentre il nostro Paese attraversa un altro momento di trasformazione geopolitica, i principi guida di Scowcroft rimangono un modello rilevante per le generazioni future. In omaggio a un uomo che ha fatto così tanto per il nostro Paese e per i suoi alleati, l’Atlantic Council onora la sua eredità attraverso il lavoro in corso dell’ormai ribattezzato Scowcroft Center for Strategy and Security e combattendo per i valori duraturi che ha incarnato in tutto il corso della sua ricca vita”. Il sito dell’Atlantic Council, prestigioso think tank di Washington, è pieno di ricordi e lettere di addio per un uomo, il generale Brent Scowcroft, mancato ieri a 95 anni di età, che ha marcato con la sua caratura da statista internazionale la storia non solo statunitense, ma (non è azzardato dire) del mondo intero.

Consigliere per la sicurezza nazionale di Gerald Ford prima e George HW Bush poi (unico ad aver servito in quel ruolo due presidenze), in sessant’anni di carriera come public servant ha pensato le policy su Russia e Medio Oriente. È stato consigliere di Richard Nixon, George W. BushBarack Obama, ha formato talenti formidabili dell’amministrazione americana come Condoleezza Rice e Robert Gates. È stato uno dei repubblicani di alto profilo a opporsi alla guerra in Iraq nel 2003, dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre. La sua filosofia è stata definita “realismo illuminato”, una dottrina centrata sulla strategia attraverso cui stabilire la leadership globale degli Stati Uniti da creare attraverso coalizioni e alleati.

“Con la scomparsa di Brent Scowcroft, gli Stati Uniti hanno perso una delle figure più notevoli nella storia della politica estera del nostro paese. Raramente il mondo ha visto un uomo di tale successo storico e di notevole modestia. Ha contribuito a vincere la Guerra Fredda, ha definito il ruolo di consigliere per la sicurezza nazionale e ha fatto da mentore a legioni di individui di principi che continuano a servire gli Usa”, ha scritto il direttore dell’Atlantic Council, Fred Kempe. “Ha contribuito a scrivere un capitolo della storia in cui la pace e la libertà hanno prevalso sulla guerra e l’oppressione. Ha aiutato gli Stati Uniti a vincere la Guerra Fredda […] portando all’unificazione di una Germania democratica e all’accoglienza dell’Europa centrale e orientale nel mondo libero”, ha aggiunto Damon Wilson, vicepresidente del think tank.

“Una volta disse che il concetto di strategia è semplice (è necessario articolare il proprio obiettivo e un piano per raggiungerlo), ma che fare un buon lavoro strategico nella pratica è difficile. È stato personalmente coinvolto nella creazione dello Scowcroft Center for Strategy and Security. Ha detto che molte organizzazioni a Washington fanno il ciclo quotidiano delle notizie e il lavoro politico, ma troppo poche fanno un passo indietro, guardano al quadro generale e disegnano una vera strategia”, ha scritto Matthew Kroenig, direttore del centro dell’Atlantic Council che porta il nome del generale stratega.

(Foto: Flikr, University of Michigan’s Ford School)

Condividi tramite