Il tema del Ponte sullo Stretto di Messina è tornato prepotentemente alla ribalta nazionale in relazione al possibile finanziamento con fondi europei Recovery Funds come completamente della continuità territoriale per il corridoio 5 (ex 1) tra Calabria e Sicilia.

Il Ponte sullo Stretto, come noto, era già appaltato e il progetto definitivo aveva ottenuto tutte le approvazioni fino allo stop nel 2013 (Governo Monti, Ministro Passera). Su questa decisione, è tuttora in corso un contenzioso di centinaia di milioni di euro. L’auspicio dunque è l’immediata ripresa di quel progetto, eventualmente aggiornato, così come fortemente voluto anche dalle due Regioni interessate, Calabria e Sicilia.

A latere degli immancabili annunci politici e dei refrain giornalistici, in questo periodo si moltiplicano le iniziative, gli incontri ed i tavoli tecnici informali sull’argomento.

La Rivista Galileo diretta da Enzo Siviero, ad esempio, sta editando un numero speciale dal titolo Ponte del Mediterraneo, che accoglierà numerosi e qualificati contributi.

Sono anche previste, a metà settembre, alcune tavole rotonde che si terranno nelle città direttamente interessate dal progetto ovvero Catania, Messina e Reggio Calabria in cui si aprirà il dibattito sulla realizzazione delle infrastrutture anche considerando la proposta di realizzare un tunnel, sebbene tecnicamente molto discutibile, come alternativa al Ponte.

Già la prossima settimana, a Reggio Calabria e Villa San Giovanni, si terranno due importanti incontri sul tema “Ponte sullo stretto. Verso un rilancio per l’economia italiana“. La sessione ‘reggina’ del 6 settembre, con inizio alle 17, presso il Museo nazionale del bergamotto vedrà, moderati dall’avv. Francesco Saccomanno, giornalista e coordinatore di “Calabria che risorge”, gli interventi di: ing. Ania Lopez, componente il consiglio nazionale degli ingegneri e del WFEO; avv. Sabrina Zucca, imprenditrice e CEO di 4Word360; ing. Marco Peroni, esperto in tensostruttura; prof Alberto Prestinenzi, già direttore CERI, docente di rischi geologici e membro del CTS per il ponte sullo stretto di Messina 2001-12; prof.ssa Francesca Moraci, ordinario di urbanistica Università Mediterranea di Reggio Calabria; prof.ssa Francesca Pellegrino, ordinario di Diritto della Navigazione, Università di Messina; ing. arch. prof. Enzo Siviero, docente straordinario ed esperto internazionale di ponti, rettore della eCampus university; sen. Silvia Vono, vice presidente VIII commissione trasporti e infrastrutture.
Il 7 settembre, dalle 10, il dibattito si sposterà al Borgo Santa Trada al pilone a villa San Giovanni, proprio nel punto in cui dovrebbe sorgere l’imbocco nord del ponte. Parteciperanno all’incontro: sen. Ing. Salvatore Margiotta, sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture dei Trasporti; sen. Silvia Vono, vicepresidente VIII commissione trasporti e infrastrutture; sen. Davide Faraone, capogruppo per Italia viva al Senato della Repubblica; ing. Gianluca Ievolella, provveditore interregionale delle opere pubbliche per la Sicilia e per la Calabria; prof. ing. Domenico Passarelli, presidente INU Calabria;ing. arch. prof. Enzo Siviero, docente straordinario ed esperto internazionale di ponti, Rettore di eCampus University; prof. avv. Angelo Deiana, economista e analista finanziario.

Condividi tramite