Skip to main content

DISPONIBILI GLI ULTIMI NUMERI DELLE NOSTRE RIVISTE.

 

ultima rivista formiche
ultima rivista airpress

La Nato è pronta alle operazioni multi-dominio? Le risposte del gen. Zuliani

La guerra del futuro sarà combattuta a colpi di operazioni multi-dominio. L’Alleanza Atlantica sarà pronta? Nel giorno del debutto di Tony Blinken tra i colleghi della Nato (con il bilaterale con Luigi Di Maio), l’analisi del generale Mirco Zuliani, già vice comandante del Comando alleato per la trasformazione, Nato Act

Recentemente il concetto di operazioni multidominio (Mdo) ha obbligato a operare profonde riflessioni sui concetti strategici oggi in vigore, così come nella stessa dottrina militare. In tale ambito, sono state illustrate anche le possibili implicazioni per la Nato, con particolare riguardo all’integrazione tecnologica delle forze dei vari Paesi membri.

Dopo che le forze statunitensi implementeranno il concetto di operazioni multidominio (Mdo), entreranno in un nuovo livello di complessità, con un’esecuzione rapida multidominio e maggiori capacità operative e tecniche. Gli sforzi di modernizzazione degli Stati Uniti rafforzano le forze del Paese, ma aumentano anche la disparità tecnologica e le sfide per la Nato. È probabile che una futura battaglia in Europa sia un evento in rapida evoluzione, che potrebbe verificarsi come “un attacco compiuto e concluso” al fronte orientale della Nato. Un rapido avanzamento da parte dell’avversario per guadagnare più terreno e potere contrattuale prima dell’arrivo delle principali formazioni statunitensi dagli Stati Uniti continentali.

Un attacco compiuto e concluso è così destinato a raggiungere rapidamente obiettivi militari e politici e quindi a consolidare rapidamente quei guadagni, in modo che qualsiasi tentativo di invertire l’azione degli Stati Uniti comporterebbe costi e rischi inaccettabili. In tale scenario, limitare forze statunitensi limitate sono in scena, e il combattimento iniziale si basa sulle capacità delle forze della Nato dell’Europa orientale. Il mix è una composizione alto-basso di unità di risposta rapida altamente capaci, ma piccole, dai principali Paesi della Nato e forze amiche regionali con meno capacità.

Le unità e le riserve di mobilitazione in tempo di guerra delle forze Nato dell’Europa orientale seguono uno standard degli anni 90, in larga misura, con miglioramenti parziali nelle comunicazioni e nei sistemi tecnici. Rappresentano una generazione tecnica interiore rispetto le forze statunitensi di oggi. Anche se questi alleati Nato stanno lanciando iniziative di modernizzazione e sostituiscono il vecchio hardware legacy con attrezzature moderne, è un ciclo di sostituzione che richiederà fino a due decenni prima che sia completato. La sfida è l’integrazione della “Nato Mdo” e la creazione di una forza di combattimento capace e coerente.

Nelle operazioni multidominio, l’idea centrale è quella di liberarsi per spostare il combattimento in profondità nel territorio nemico per disintegrare le sue forze. “Disintegrare” si riferisce alla rottura della coerenza del sistema nemico distruggendo o interrompendo i suoi sotto componenti (come mezzi di comando e controllo, raccolta di informazioni, nodi critici, ecc.) degradando la sua capacità di condurre operazioni mentre porta a un rapido collasso delle capacità o della volontà di combattere del nemico.

L’utilità di Mdo in un quadro Nato richiede quindi un’ampia implementazione del concetto all’interno delle forze Nato, non solo per gli Stati Uniti. Il concetto di disintegrazione ha il suo concetto simile nel pensiero e nella dottrina militare russa definita disorganizzazione. Il concetto russo cerca di negare alle strutture di comando e controllo la capacità di comunicare e condurre operazioni, tramite jamming, distruzione informatica o fisica. Da una prospettiva russa, la chiave del successo di un attacco compiuto e concluso è la sua capacità di negare alla Nato operazioni congiunte e sfruttare l’incapacità dell’Alleanza di creare una posizione di combattimento multinazionale coerente e tecnologicamente diversificata. Non sarebbe troppo inverosimile presumere che la leadership russa veda un’opportunità nello sfruttare l’incapacità della Nato di coordinare e integrare tutti gli elementi nella lotta.

La preoccupazione persistente è come una forza statunitense tecnologicamente avanzata e dottrinalmente complessa possa ottenere la leva incorporata in questi progressi se il combattimento iniziale si verifica in un ambiente operativo in cui le forze Nato dell’Europa orientale rapidamente mobilitate sono indietro di due generazioni tecnologiche, specialmente quando le forze russe applichino il concetto di disorganizzazione mirando a negare tale leva e sfruttando la forza frammentata dell’Alleanza.

L’integrazione della Nato fu più facile negli anni 70, con grandi formazioni alleate nella Germania occidentale e meno Paesi coinvolti. Le forze multinazionali della Nato avevano esercitazioni continue e un’;interazione attiva tra leader, unità e pianificatori. Anche allora, i concetti russi (o sovietici) dovevano rompere e superare le difese e colpire in profondità nel territorio. Alla luce della maggiore disparità tecnica della Nato nelle forze multinazionali e del potenziale disallineamento dottrinale nella più ampia forza alleata, si aggiunge al rafforzato interesse russo a sfruttare queste condizioni, queste osservazioni dovrebbero guidare una maggiore attenzione sull’integrazione della Nato.

La futura lotta, se accadrà, sarà nell’Europa dell’Est. Sarà una lotta combattuta insieme ad alleati europei, da numerosi Paesi, in un terreno che conoscono meglio. Mentre entriamo in una nuova era di grande competizione di potere, gli Stati Uniti apportano capacità e tecnologia che assicureranno il successo della missione Nato solo se ben integrate nella forza di combattimento multinazionale.

×

Iscriviti alla newsletter