“Woman in space”, questo il tema della terza edizione della Settimana mondiale dello spazio, dal 4 al 10 ottobre. Sette giorni di incontri per la valorizzazione del settore spaziale con donne e uomini dell’accademia, industria e istituzioni. Oggi il primo incontro con Amalia Ercoli Finzi, prima italiana laureata in Ingegneria aeronautica, e Piero Angela

Sette giorni dedicati allo spazio e alla celebrazione delle donne e del loro ruolo indispensabile per l’esplorazione e la valorizzazione del mondo extra-atmosferico. “Woman in space” è, infatti, il tema scelto dalla terza edizione 2021 della Settimana mondiale dello spazio di Osimo, dal 4 al 10 ottobre, inserita nell’iniziativa globale delle Nazioni Unite per celebrare il contributo delle scienze spaziali al progresso dell’umanità. Tanti gli e le ospiti, provenienti dal mondo istituzionale, accademico e industriale, che con incontri e seminari, anche con il coinvolgimento attivo di scuole e ragazzi, affronteranno tutti gli ambiti del mondo aerospaziale, dalla New space economy alla sostenibilità spaziale, dal ruolo dei giovani all’epowerment femminile nel settore e in generale nelle materie scientifiche, tecnologiche, ingegneristiche e matematiche (Stem). Ad aprire la prima sessione, oggi alle 16, Amalia Ercoli Finzi, professoressa emerita del Politecnico di Milano e prima donna laureata in Ingegneria aeronautica in Italia, e il numero uno dei divulgatori scientifici, Piero Angela.

LO SPAZIO È VICINO

E sarà proprio la nuova economia spaziale il tema dell’incontro di oggi, per presentare al pubblico le novità e le prospettive di uno spazio sempre più vicino e accessibile. Insieme a Ercoli Finzi e Angela prenderanno la parola Simonetta Di Pippo, astrofisica e direttrice dell’Ufficio per gli affari dello spazio extra-atmosferico delle Nazioni Unite (Unoosa) e fondatrice dell’associazione Women In Aerospace – Europe per promuovere la leadership femminile nel settore aerospazio, Mariangela Zappia, ambasciatrice d’Italia negli Usa, Ersilia Vaudo, Chief diversity officer all’Agenzia spaziale europea (Esa), Cristina Leone, presidente del Cluster tecnologico nazionale aerospazio (Ctna), Giorgio Saccoccia, presidente dell’Agenzia spaziale italiana (Asi), Eugenio Coccia, rettore del Gran Sasso Science institute (Gssi), Marica Branchesi, professoressa del Gssi, il generale e astronauta Roberto Vittori e gli amministratori delegati di Thales Alenia Space Italia e Telespazio, Massimo Comparini e Luigi Pasquali.

WOMAN IN SPACE

Nel corso di questa settimana spaziale saranno toccati anche numerosi altri temi trasversali al monto extra-atmosferico e terrestre, a sottolineare il legame ormai inscindibile tra i due mondi, separati solo da un sottile strato di atmosfera. Solo per citarne alcuni, il pomeriggio del 5 ottobre si parlerà di “Membership, role model, empowerment femminile” con, tra gli altri, Annamaria Nassisi, manager Space economy di Thales Alenia Space. Mercoledì 6 si prosegue alle 14 con “Clean space e sostenibilità” insieme a Luisa Innocenti, head Clean space di Esa, Grazia Vittadini, chief technology officer di Airbus, e Morena Bernardini, vice presidente Strategy di ArianeGroup, e alle 17 con l’incontro con i Contamination lab con Cristina Ananasso, direzione generale Industria della difesa e spazio della Commissione europea.

DONNE DA RECORD

Infine, l’8 ottobre verranno intervistate Donatella Ricci, record mondiale di volo in autogiro, e Alessandra Buonanno, direttrice dell’Istituto Max Planck per la fisica gravitazionale di Potsdam che nel 2021 ha vinto ben tre premi internazionali: la medaglia Galilei, il premio Balzan e la medaglia Dirac, prima donna italiana a riceverla. La giornata dell’8 si concluderà con la celebrazione del 160esimo anniversario delle relazioni diplomatiche tra Italia e Stati Uniti, durante la quale interverrà Cinzia Zuffada, associate chief scientist al Jet propulsion laboratory della Nasa, il laboratorio responsabile, tra le altre cose, del rover Perseverance su Marte.

LA SETTIMANA SPAZIALE

La Settimana mondiale dello spazio è organizzata dal comune di Osimo, in collaborazione con il progetto OsimoLab di Frida Paolella, una tra le “Unstoppable women” di StartupItalia, insieme al patrocinio e alla partnership di numerose realtà istituzionali, aziendali e accademiche nazionali e internazionali come l’Esa, l’Asi, Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn), il Gssi, il Ctna, la regione Marche, l’Ambasciata degli Usa in Italia, Thales Alenia Space, l’Agenzia spaziale canadese e altri. Tutti gli eventi sono gratuiti e accessibili on line da sito istituzionale del comune di Osimo (www.comune.osimo.an.it) e dalla sua pagina ufficiale Facebook (@comunediosimo).

Condividi tramite