Il caso danese, scrive Reuters, “mostra come la ricerca cinese di biotecnologie a uso militare sia diventata un problema anche per le università in Europa”

Guojie Zhang, professore cinese dell’Università di Copenaghen, ma anche dipendente del colosso della genomica Bgi Group di Shenzhen (che ha la sua sede europea nel campus dell’università danese), ha condotto ricerche genetiche sulle scimmie con l’esercito cinese senza dichiararlo all’ateneo. È stato lo stesso, che già è stato al centro delle tensioni tra Danimarca e Cina dopo aver chiuso il centro aperto dall’Università Fudan di Shanghai, a denunciare il fatto a Reuters. L’agenzia definisce il caso come “l’ultimo esempio di come la ricerca cinese di tecnologia militare-civile sta coinvolgendo il mondo accademico occidentale nell’area strategicamente sensibile della biotecnologia”.

Assieme a un suo studente, il professor hanno lavorato con un laboratorio dell’Esercito popolare di liberazione a un progetto di ricerca che esponeva le scimmie a un’altitudine estrema per studiare il loro cervello e sviluppare nuovi farmaci per prevenire i danni al cervello. Per i militari di Pechino studiare le attività ad alta quota è una priorità come dimostrano alcune esercitazioni del comando militare Tibet, più volte celebrato dal presidente Xi Jinping.

Quella ricerca è stata pubblicata da Zhang e altri, tra cui un generale dell’esercito cinese, Yuqi Gao, nel gennaio 2020. Nel 2018 l’alto ufficiale scriveva che il malessere ad alta quota “è la ragione principale della ridotta efficacia di combattimento e dei danni alla salute dei soldati ad alta quota e influenza i risultati della guerra sull’altopiano”. Inoltre, notavo che i farmaci potrebbero essere utilizzati in caso di emergenza per il rapido dispiegamento dei soldati.

Al momento della pubblicazione, l’università “non era a conoscenza del fatto che il documento includeva anche autori di istituti di ricerca militari cinesi”, ha dichiarato Niels Kroer, capo del dipartimento di biologia, a Reuters.

Il docente ha confermato di non aver informato l’università del rapporto con l’esercito cinese perché l’università non richiedeva ai ricercatori di segnalare i co-autori sui documenti scientifici – cosa che l’università ha confermato. Per Bgi lo studio con il laboratorio dei militari di Pechino “non è stato condotto per scopi militari” e la ricerca sul cervello è un’area critica per la comprensione delle malattie umane. Tuttavia, l’Accademia della scienza del governo cinese ha detto che lo studio ha dato risultati civili e per la difesa nazionale sull’altopiano tibetano.

A inizio mese un rapporto del dipartimento della Difesa degli Stati Uniti sulla forza militare della Cina ha accesso un faro sull’utilizzo da parte di Pechino della biotecnologia per migliorare le prestazioni dei suoi soldati. Il caso danese, scrive Reuters, “mostra come la ricerca cinese di biotecnologie a uso militare sia diventata un problema anche per le università in Europa”.

Condividi tramite