Thales Alenia Space (Tas), joint venture Thales (67%) e Leonardo (33%), ha concluso un contratto con Arabsat, leader satellitare in Africa e Medioriente, per fornire un nuovo satellite che sfrutti la tecnologia innovativa del “Software-defined” nel settore delle telecomunicazioni. Così la società araba punta alla crescita del proprio business delle comunicazioni satellitari nella regione Mena, per connettere sempre più persone

Al via la fornitura di un nuovo satellite per lo spazio, che farà leva sulle nuove tecnologie all’avanguardia per la flessibilità operativa in orbita. Con alle spalle una lunga storia di decenni di collaborazione su diversi programmi, Thales Alenia Space (Tas), joint venture Thales (67%) e Leonardo (33%), ha firmato un accordo con Arabsat, il principale operatore satellitare di Medioriente e Africa fondato del 1976 da 21 Stati della Lega araba, per la realizzazione di Arabsat-7°. Si tratta di un satellite flessibile e Software defined, basato sulla piattaforma di Tas Space inspire (Instant space in-orbit reconfiguration) innovativa e interamente configurabile in orbita.

La soddisfazione delle società

Questo programma è “completamente allineato con la nuova strategia di trasformazione della società che mira a portare Arabsat più vicina ai suoi clienti fidelizzati per garantire una crescita sostenibile per il business delle comunicazioni satellitari nella regione, nonché a collaborare con i governi e le imprese nei vari Paesi per colmare il divario digitale e connettere le persone ancora non connesse”, ha riferito il ceo della società, Badr Al Swuaidan. Alle sue dichiarazioni hanno fatto eco quelle del ceo di Tas, Hervé Derrey, che ha espresso soddisfazione per l’accordo che cementifica ulteriormente il rapporto decennale di collaborazione tra i due enti, e ha anche evidenziato come “questo nuovo successo riflette l’esperienza tecnologica di Thales Alenia Space e conferma che la nostra linea di prodotti Space inspire, con il supporto anche dalle agenzie spaziali, europea e francese, risponde perfettamente alle esigenze del mercato delle telecomunicazioni in evoluzione in termini di agilità e flessibilità”.

Un nuovo contratto per la tecnologia satellitare innovativa

Con tale accordo Arabsat entrerà a far parte del gruppo di operatori di satelliti geostazionari che sta passando da un business basato sulle sonde tradizionali a uno di satelliti definiti da software (Sds), più agili e facilmente adattabili alle diverse esigenze del settore. Una scelta che punta sull’innovazione e su una tecnologia rivoluzionaria sia per l’industria dei satelliti sia per le telecomunicazioni. La piattaforma di Tas Space inspire, infatti, permetterà non solo la missione di telecomunicazione, ma anche la riconfigurazione dei servizi satellitari della sonda Arabsat-7° senza soluzione di continuità. Grazie a questa tecnologia sarà inoltre possibile l’adeguamento in orbita istantaneo alla richiesta di connettività a banda larga, e anche una massimizzazione nell’uso delle risorse del satellite che permetterà ad esempio prestazioni superiori nella trasmissione video.

Il satellite

Il satellite in questione, Arabsat-7°, raggiungerà in orbita altre due sonde della stessa famiglia, Arabsat 6A e 5A. Sostituendo così gran parte della capacità attuale nelle bande C e Ku su Arabsat 5A quando il satellite raggiungerà il termine della sua attività, al fine di garantire ai propri clienti e partner una transizione senza interruzioni. Non solo, grazie alle capacità offerte in banda Ku Hts, si potranno potenziare i servizi e le soluzioni forniti da Arabsat in tutto il mondo, dal Medioriente all’Europa.

Condividi tramite