Per l’Intelligence Community statunitense, la Cina non ha ancora deciso se agire ma entro il 2027 Xi Jinping vuole avere pronte le capacità di invadere Taiwan

Il vice segretario della Cia, David Cohen, ha detto che il leader cinese, Xi Jinping, ha detto ai suoi militari che vuole avere la capacità di prendere il controllo di Taiwan con la forza entro il 2027. Cohen ha aggiunto che l’Intelligence Community (IC) statunitense al momento non crede comunque che Pechino abbia preso una decisione in merito se procedere.

“Non ha preso la decisione di farlo, ma ha chiesto ai suoi militari di metterlo in una posizione in cui, se volesse farlo, sarebbe in grado di farlo. La valutazione dell’IC nel suo complesso è ancora che l’interesse di Xi a Taiwan sia quello di ottenere il controllo con mezzi non militari”, ha detto Cohen secondo un virgolettato citato da Katie Bo Lillis su Twitter.

Tweet a cui ha risposto Chen Weihua, capo dell’ufficio di Bruxelles del China Daily, schernendo la Cia per la questioni delle armi distruzioni di massa di Saddam Hussein. Chen è spesso protagonista di questi scambi in cui rilancia, come il media in cui lavora, la propaganda e la contro-propaganda di Pechino.

Al di là di questo, la valutazione del vicedirettore è in linea con le valutazioni condivise l’anno scorso dal comandante del Comando indo-pacifico degli Stati Uniti (INDOPACOM), l’ammiraglio John Aquilino, e dal suo predecessore, Philip Davidson. Lo scorso anno, anche il capo degli Stati maggiori congiunti, il generale Mark Milley, ha discusso queste valutazioni con il Congresso.

“La valutazione si basa su un discorso di Xi che ha spronato l’Esercito Popolare di Liberazione ad accelerare i programmi di modernizzazione per sviluppare le capacità di conquistare Taiwan e spostarla dal 2035 al 2027”, aveva avvisato Milley, che spiegava di ritenere che Xi voglia solo avere la capacità di prendere Taiwan, ma che non è stata presa alcuna decisione per agire su tale capacità.

“È una capacità, non un’intenzione di attaccare o prendere. La mia valutazione è una valutazione operativa”, aveva detto Milley. “Hanno l’intenzione di attaccare o sequestrare nel breve termine, definito come il prossimo anno o due. La mia valutazione, in base a ciò che ho visto al momento, è no, ma potrebbe sempre cambiare. L’intenzione è qualcosa che può cambiare rapidamente”.

Milley ha detto che i costi per la Cina di prendere Taiwan in questo momento “superano di gran lunga i benefici e Xi e i suoi militari farebbero il calcolo”. “Sanno che un’invasione, per impadronirsi di un’isola così grande, con così tante persone e con le capacità di difesa che hanno i taiwanesi, sarebbe straordinariamente complicata e costosa”, ha detto Milley.

Anche un report del Congresso di novembre 2021 ha valutato che la Cina ha o sta per avere la capacità di impossessarsi di Taiwan, ma che farlo ora sarebbe “ad alto rischio”. L’eventuale conquista di Taiwan da parte della Cina rappresenterebbe un importante gioco di potere nella regione dell’Indo-Pacifico, dove Stati Uniti e Cina si contendono l’influenza.

Un recente wargame, che riproduceva un’invasione cinese di Taiwan entro il 2026, ha rilevato che gli Stati Uniti potrebbero perdere più di 900 jet da combattimento e diverse navi da guerra per preservare l’indipendenza di Taipei.

Condividi tramite