Una coppia di russi che viveva in Svezia da 20 anni è finita in manette nei giorni scorsi. Lui è sospettato di lavorare per i servizi segreti russi. Ecco cosa ha scoperto Bellingcat sull’appartamento di loro proprietà nella capitale russa e sui loro vicini

Questa settimana è stata arrestata una coppia di russi che viveva in Svezia da 20 anni. Il marito è detenuto in quanto sospettato di lavorare per i servizi segreti russi. Christo Grozev di Bellingcat ha fatto delle ricerche e ha fatto delle scoperte interessanti sui loro vicini di casa a Mosca. Ecco la traduzione del thread su Twitter di Eliot Higgings, fondatore di Bellingcat.

“Il marito, la moglie e un membro della famiglia sono stati registrati come proprietari dell’appartamento nell’ottobre 1999, situato in via Zorge 36 a Mosca. Non è chiaro se abbiano mai vissuto nell’appartamento, poiché la coppia si è trasferita in Svezia poco dopo.

Questo edificio è pieno di inquilini interessanti. Il numero dell’appartamento della coppia arrestata in Svezia è 282, e proprio in fondo al corridoio si trova l’appartamento 288, la casa di Denis Sergeev, il terzo sospettato dell’avvelenamento di [Sergej] Skripal.

Nello stesso edificio risiede anche il maggior generale Andrey Averyanov, capo dell’Unità 29155 del Gru (l’intelligence militare russa, ndr), che si occupa di sabotaggi e omicidi clandestini dietro a numerose esplosioni e avvelenamenti di depositi di armi, tra cui gli avvelenamenti di Skripal e Emelian Gebrev:

Anche il maggior generale Andrey Ilchenko, legato alle operazioni di disinformazione del Gru, risiede nello stesso edificio, insieme a molti altri membri dell’Unità 29155. In passato abbiamo collegato Ilchenko alle attività del media “indipendente” Bonanza.

Secondo i documenti della Corte distrettuale svedese e della polizia, il marito detenuto in Svezia avrebbe avviato attività di intelligence contro gli Stati Uniti nel 2013 e poi contro la Svezia nel luglio 2014.

La coppia era proprietaria di una serie di società in Svezia, tra cui aziende che si occupavano di attrezzature navali e aeronautiche, computer e servizi informatici, sviluppo di programmi e finanziamento di progetti commerciali.

Per diversi anni, una di queste società è stata di fatto controllata da un colonnello del Gru in pensione, attraverso una società con sede a Cipro. L’uomo, oggi settantenne, si è lasciato intervistare con il suo nome completo un paio di anni fa nel libro ‘ГРУ. Поединок с черными половекнами’.

Molti anni prima, il suo nome era apparso negli Stati Uniti: durante un’audizione al Senato nel 1983, un senatore chiese che gli venisse presentato un elenco di tutti i diplomatici sovietici che, nel periodo dal 1974 al 1983, erano stati espulsi per spionaggio, da tutti i Paesi del mondo.

La coppia ha anche un legame familiare con un ex capo dell’intelligence svedese. L’uomo ha lavorato per diversi anni come capo del Military Security and Intelligence Service (Must). Il legame familiare tra la coppia e l’ex capo del Must è stato stabilito dopo il suo pensionamento”.

Condividi tramite