Skip to main content

DISPONIBILI GLI ULTIMI NUMERI DELLE NOSTRE RIVISTE.

 

ultima rivista formiche
ultima rivista airpress

Il governo Meloni conferma il ruolo nel Quint. Prima chiamata “a cinque”

Dopo il viaggio europeo di Wendy Sherman a dicembre, il premier ha partecipato alla sua prima telefonata con Biden, Scholz, Macron, Sunak, nel gruppo informale che coordina le attività in seno a G7, Nato, Ocse e Nazioni Unite, ancora più rafforzato dallo scoppio del conflitto ucraino. La consegna dei carri tedeschi e il sesto pacchetto italiano: il fronte a sostegno di Kiev è unito

L’Italia rafforza il suo ruolo nel Quint, il gruppo informale composto dagli Stati Uniti e dai quattro principali Stati europei, nato per coordinare le attività in seno a G7, Nato, Ocse e Nazioni Unite. Un legame a cinque che era stato riallacciato da Mario Draghi un anno fa, e confermato anche con il nuovo governo Meloni durante il viaggio europeo di Wendy Sherman, vice-segretario di Stato americano, raccontato su Formiche.net a dicembre.

Ora arriva la prima telefonata “a cinque” del nuovo presidente del Consiglio: in linea c’erano il Presidente degli Stati Uniti Biden, il Presidente francese Macron, il Cancelliere tedesco Scholz e il Primo Ministro britannico Sunak, nel quadro dello stretto coordinamento euroatlantico sul sostegno all’Ucraina. “Prendendo atto della situazione sul terreno a quasi un anno dall’invasione russa, i leader hanno ribadito l’importanza di una costante forte coesione tra alleati nel continuare a fornire assistenza a Kiev a 360 gradi”, fanno sapere da Palazzo Chigi.

La telefonata avviene mentre Usa e Germania annunciano l’invio dei carri armati Abrams 1 e Leopard-2, a pochi giorni dal summit di Ramstein in cui i ministri della Difesa dei Paesi che sostengono lo sforzo ucraino si sono impegnati ad aumentare l’aiuto militare a Kiev. In barba ai video fake che la Russia mette in giro sui carri armati americani, il fronte è compatto: il ministro Crosetto oggi in audizione alla Camera (e poi al Copasir, ma i dettagli sono riservati) ha spiegato che l’Italia deve aumentare la propria rilevanza e capacità autonoma di influenzare processi e operazioni in ambito internazionale.

Dopo aver spiegato a Formiche.net le linee guida dell’azione internazionale dell’Italia, a Che tempo che fa Crosetto ha confermato: “Il sesto decreto sulle armi da inviare all’Ucraina ci sarà” e “darà all’Ucraina la possibilità di difendersi dagli attacchi aerei”. “In collaborazione con la Francia stiamo finalizzando l’invio del Samp/T, e comunque ci sono altre azioni a cui lavoriamo riservatamente”, ha poi dichiarato Antonio Tajani, vicepresidente del Consiglio e ministro degli Esteri al Corriere della Sera.

×

Iscriviti alla newsletter