Skip to main content

DISPONIBILI GLI ULTIMI NUMERI DELLE NOSTRE RIVISTE.

 

ultima rivista formiche
ultima rivista airpress

Il ko alle amministrative non basta per la ritirata di Erdogan. Le previsioni di Tzogopoulos

Ora c’è l’opportunità per il Chp di imparare dagli errori commessi nel 2023. L’opposizione era stata unita contro Tayyip Erdogan, ma il suo programma politico era piuttosto frammentato. Le elezioni presidenziali del 2028 saranno diverse e molto più dure”. Conversazione con l’analista dell’Istituto Europeo di Nizza, George Tzogopoulos

“Le elezioni presidenziali americane del novembre 2024 saranno cruciali. Dovremmo ricordare che Erdogan aveva un buon rapporto personale con Donald Trump. Se Trump vince, forse sperimenteremo la stessa cosa. E sia Trump che Erdogan potranno restare al potere fino al 2028”. Questa l’analisi che George Tzogopoulos affida a Formiche.net dopo la sconfitta alle elezioni amministrative turche del partito del presidente. Secondo l’analista greco, lecturer presso l’Istituto Europeo di Nizza Cife, fellow presso il Begin Sadat Center for Strategic Studies in Israele e presso la Hellenic Foundation for European and Foreign Policy in Grecia, l’esperienza delle elezioni presidenziali del 2023 ci dice che non dobbiamo sottovalutarlo, vinse nonostante l’opposizione fosse stata unita contro di lui. Ekrem Imamoglu? Una figura politica importante. Oltre alla sua personalità, il fatto di essere sindaco di Istanbul ha un significato simbolico. Anche Tayyip ha iniziato la sua carriera politica a Istanbul, osserva.

Le elezioni amministrative vinte dall’opposizione segnano l’inizio della fine di Erdogan?

Il presidente Recep Tayyip Erdogan aveva detto prima delle elezioni di domenica che queste sarebbero state le sue ultime. Se ciò verrà messo in pratica, allora dovremo discutere del futuro del partito al potere, il Partito Giustizia e Sviluppo (AKP), senza di lui. Chi sarà il suo successore? Questa è la domanda cruciale, alla quale ora non siamo in grado di rispondere. Ma vedrei gli sviluppi politici con maggiore cautela. Aspettiamo cosa farà il presidente Erdogan nei prossimi mesi e anni. L’esperienza delle elezioni presidenziali del 2023 ci dice che non dobbiamo sottovalutarlo. L’anno scorso vinse nonostante l’opposizione fosse stata unita contro di lui.

Per quali ragioni il partito del presidente ha perso?

Le elezioni locali sono sempre diverse da quelle presidenziali e legislative. Molte persone votano per persone specifiche e non per programmi politici. Ovviamente domenica scorsa gli elettori del Partito Repubblicano (CHP) erano più motivati rispetto agli elettori dell’AKP. Questo ha fatto la differenza. La situazione generale in Turchia non è cambiata radicalmente negli ultimi 10 mesi. La crisi economica, ad esempio, non è una novità. Quindi preferirei spiegare il risultato sulla base della stanchezza elettorale di molti elettori dell’AKP che hanno dato la vittoria a Erdogan lo scorso maggio. Allo stesso tempo, i candidati del CHP (ad esempio Ekrem Imamoglu a Istanbul e Mansur Yavas ad Ankara) erano migliori del candidato presidenziale del partito nel maggio 2023 (Kemal Kilicdaroglu).

Si parla già di elezioni anticipate. Il sindaco di Istanbul, Ekrem İmamoğlu, sarà il volto nuovo dei laici turchi alle prossime elezioni politiche?

È troppo presto per dirlo. Normalmente, le prossime elezioni presidenziali si terranno nel 2028 in Turchia. Ciò significa che c’è ancora molto tempo politico davanti. Ekrem Imamoglu è una figura politica importante. Oltre alla sua personalità, il fatto di essere sindaco di Istanbul ha un significato simbolico. Anche Tayyip Erdogan ha iniziato la sua carriera politica a Istanbul. Allo stesso tempo, non dobbiamo dimenticare che Ekrem Imamoglu è stato condannato da un tribunale turco. Imamoglu dovrà anche affrontare la concorrenza interna del CHP con altri come Mansur Yavas, il sindaco di Ankara. Ma la sostanza della domanda è molto, molto importante. Se si svolgessero elezioni anticipate, ciò significherebbe che Tayyip Erdogan potrebbe ripresentarsi come candidato. Ciò gli è consentito solo in caso di elezioni anticipate secondo la Costituzione turca che dobbiamo studiare attentamente.

Erdogan non ha perso solo nelle città più “occidentali” come Istanbul, Smirne o Ankara, ma anche in alcune città dell’interno: cosa significa?

Le elezioni locali hanno evidenziato il successo elettorale del CHP e lo scarso rendimento dell’AKP. Il primo ha visto un aumento percentuale generale, il secondo un calo percentuale generale. Questa tendenza ha avuto un impatto su molti comuni. Ora c’è l’opportunità per il CHP di imparare dagli errori commessi nel 2023, trarre spunto dal successo delle elezioni locali e presentare una piattaforma governativa in vista delle elezioni presidenziali del 2028. Dovremmo ricordare che ciò non era accaduto nel 2023. L’opposizione era stata unita contro Tayyip Erdogan ma il suo programma politico era piuttosto frammentato. Le elezioni presidenziali del 2028 saranno diverse per il CHP e molto più dure.

In prospettiva futura come potrà cambiare la politica estera della Turchia senza Erdogan?

Ora dovremmo associare la Turchia al presidente Erdogan. Il presidente Erdogan sta conducendo importanti negoziati con l’Iraq e sarà lui a recarsi a Washington DC a maggio per incontrare il presidente Joe Biden. Rispetto al periodo precedente al 2023, la politica estera turca è ora molto più calma. Ciò però non significa che Ankara abbia abbandonato la propria autonomia in politica estera. Sarà difficile credere che un altro presidente in futuro possa cambiare completamente la sostanza della politica estera turca dopo tanti anni di presenza di Erdogan. Per fare una previsione sicura dobbiamo sapere chi sarà il prossimo presidente e a quale partito apparterrà. Per ora analizziamo la politica estera di Erdogan.

La Nato potrà avere un alleato-membro diverso rispetto al passato e meno ambiguo?

Ancora una volta, non mi aspetto molti cambiamenti. Abbiamo visto che Tayyip Erdogan ha negoziato con gli Stati Uniti l’adesione della Svezia alla Nato, e nel frattempo è riuscito a ottenere un accordo dagli Stati Uniti affinché la Turchia ricevesse i caccia F-16. E ora è invitato alla Casa Bianca. Credo che gli Stati Uniti faranno tutto il possibile per ancorare la Turchia al mondo occidentale. Un’altra osservazione: le elezioni presidenziali americane del novembre 2024 saranno cruciali. Dovremmo ricordare che Erdogan aveva un buon rapporto personale con Donald Trump. Se Trump vince, forse sperimenteremo la stessa cosa. E sia Trump che Erdogan potranno restare al potere fino al 2028.

Le relazioni mediterranee, in primis con la Grecia, potranno migliorare?

Stiamo vivendo un periodo relativamente buono. Il primo ministro Mitsotakis si recherà in Turchia nei prossimi mesi e incontrerà il presidente Erdogan. Erdogan è venuto ad Atene qualche mese fa. È molto difficile, tuttavia, che le discussioni greco-turche portino risultati tangibili. Non mi sorprenderei di vedere nuove ondate di tensioni in futuro. Questo ci dice la storia. Allo stesso tempo, il CHP non è più mite dell’AKP. Forse è ancora più aggressivo nei confronti della Grecia.

La Fratellanza musulmana verrà ancora incoraggiata se dovessero vincere i laici kemalisti?

Dobbiamo aspettare e vedere come potrebbe evolversi la politica interna turca. Prima delle elezioni presidenziali del 2023, l’opposizione aveva addirittura promesso di modificare la Costituzione e di abolire il sistema presidenziale, cosa che sarebbe stata molto difficile. Prima delle elezioni locali di domenica, il presidente Erdogan aveva fatto alcuni passi verso un altro cambiamento costituzionale. Anche questo sarà difficile per lui adesso perché le condizioni politiche non sono favorevoli per un referendum. In teoria, i Fratelli Musulmani perderebbero un sostenitore senza Erdogan. Ma non siamo ancora là. Dobbiamo monitorare da vicino la politica turca e c’è tutto il tempo per farlo. Se non si terranno le elezioni anticipate, le prossime avranno luogo dopo quattro anni.

×

Iscriviti alla newsletter