Skip to main content

DISPONIBILI GLI ULTIMI NUMERI DELLE NOSTRE RIVISTE.

 

ultima rivista formiche
ultima rivista airpress

Marcello Inghilesi About Marcello Inghilesi

E' nato ad Arezzo nel 1940. Ha fatto studi classici e si è laureato in Economia a Firenze. Ha collaborato per 5 anni con la scuola di Don Milani, a Vicchio di Mugello , dove è stato anche consigliere comunale. E' stato dirigente studentesco: presidente degli studenti universitari fiorentini (Oruf), di quelli di sinistra italiani (Ugi) e vice presidente della rappresentanza universitaria nazionale (Unuri). E' stato ricercatore al Censis. Ha lavorato come economista alle Nazioni Unite ( Unesco e Ilo ). E' stato segretario generale di Techint ; consigliere di amministrazione e vice-presidente di Enel ; presidente di Ice. E' stato Presidente di diverse imprese industriali e di servizi. Vice Presidente della Fondazione Einaudi e segretario generale del suo Opef. Ora è presidente della Inghilesi Sviluppo e Partecipazioni. Ha scritto alcuni libri , tra cui “Il volo del kiwi”; “Conversare ad Hangzhou: lezioni su sviluppo e sottosviluppo”; “Il fumo e il sole”; “Energia”. Ha collaborato a diversi giornali e riviste, tra cui: Il Giornale, il Riformista, l’Occidentale, Libero , La gazzetta Politica,L’Avanti, Il Sole 24Ore, Panorama ,Economy, Mercato e finanza, Cahiers d'art. Ha avuto il Compasso d’Oro dell’ADI ed è socio onorario del Comitato Leonardo. Ha una laurea honoris causa dell'Università di Salta, in Argentina e ha insegnato nelle università di Hangzhou e di Pechino, in Cina. E' olivicoltore e ornicultore (canarini gloster).

Perché c'è la corsa ad accogliere i profughi siriani

Welcome! hanno urlato austriaci e tedeschi ai poveri siriani (e non) scappati (forse) da pene, violenze, schiavisti e guerre. Non lo avevano fatto prima al Brennero (e i francesi a Ventimiglia) e non erano scesi neppure in Sicilia in macchina ad accoglierli, come hanno fatto alla frontiera con l'Ungheria. Ma in Sicilia i siriani erano pochissimi e gli africani moltissimi.…

La grande guerra fra pragmatici e movimentisti

Esistono ancora destra e sinistra? Comunisti e fascisti? Socialisti e liberali? Democristiani?  No, non esistono più: anzi forse esistono solo nella testa di qualcuno come “categoria” polemica di scontro, quando le argomentazioni finiscono. Possiamo anche generalizzare; nelle democrazie occidentali, con il crollo del muro di Berlino, è andata via l'altra metà del cielo delle ideologie. Quelle rimaste si sono rattoppate,…

Tutte le trame (tedesche) della commedia greca

La questione greca è paradossale. Tutti sembrano esultare per l'accordo; come dire: viva la “pace”. Ma questo accordo non può funzionare, perché i due contendenti (Germania e Grecia) non possono che fregarsi a vicenda; con gli altri intorno che, disarmati, fanno finta di non vedere. La Germania cerca di raggranellare più soldi possibili dalla sua esposizione creditizia con la Grecia;…

Tutti i perché del caso Cesare Battisti

Nicolas Sarkozy (de Nagy-Bocsa, ungherese, immigrato in Francia di prima generazione) chiede agli italiani di mettere una pietra sul passato e lasciar perdere il pluriomicida Cesare Battisti, condannato all’ergastolo in via definitiva in Italia. E perché mai, non è dato sapere. Curiosa richiesta questa di Sarkò, come se le vittime e i carnefici del terrorismo non esistessero più. E poi…

Perché Charlie Hebdo è sull'orlo del fallimento giornalistico

Charlie Hebdo è ripartito, come dice la copertina della rivista francese, sei settimane dopo il numero dei “sopravvissuti” alla strage del 7 gennaio scorso. È ripartito con una (brutta) vignetta di Luz che mostra un povero coniglietto (o animale del genere) che corre con “Charlie” tra i denti, inseguito da una muta di bestie feroci, che sembrano rappresentare la Le…

Perché alcuni Paesi arabi hanno snobbato il corteo di Parigi

Sono Charlie: penso, dico, scrivo e disegno quello che voglio; viva la libertà. Nelle strade e nelle piazze di tutta la Francia più di 4 milioni di persone hanno urlato il loro diritto alla libertà. E ora? Due problemi emergono subito; e sono imbarazzanti. Per avere più libertà bisogna lasciare allo Stato e alle sue polizie maggiori spazi di intervento,…

Charlie Hebdo, ecco sfide e contraddizioni della Francia di Hollande

La Francia del giorno dopo sembra un operato che si sveglia dopo l'intervento, ancora sotto gli effetti delle medicine e delle anestesie. Sono peraltro cominciati i borbottii tradizionali e tipici di questo popolo poco accomodante. Ci sono alcune cose in tutta questa storia di violenza e di attentati contro la sicurezza dello Stato che vengono mal digerite. Come è possibile…

Vi spiego come avanza il fanatismo islamico in Francia

La Francia è Charlie: Charlie Hebdo, il settimanale ove due fanatici islamici hanno fatto una strage di giornalisti e poliziotti. Ora tutta la Francia sembra essere d'accordo: tutti insieme contro il terrorismo islamico; comprese le due ali, di destra e sinistra, non rappresentate all'Assemblea Nazionale, il Fronte Nazionale di Marine Le Pen (che peraltro è il primo partito di Francia)…

A cosa serve il Ttip?

Il TTIP, Trattato Transatlantico sul commercio e gli investimenti (o zona di libero scambio tra Unione Europea e Usa), è da tempo allo studio della Commissione Europea e degli USA. A cosa servirebbe? A eliminare o ridurre le barriere e le formalità doganali; alla progressiva riduzione dei dazi; alla definizione di regole comuni sugli standard e sulle qualità dei prodotti;…

×

Iscriviti alla newsletter