Skip to main content

DISPONIBILI GLI ULTIMI NUMERI DELLE NOSTRE RIVISTE.

 

ultima rivista formiche
ultima rivista airpress

Marcello Inghilesi About Marcello Inghilesi

E' nato ad Arezzo nel 1940. Ha fatto studi classici e si è laureato in Economia a Firenze. Ha collaborato per 5 anni con la scuola di Don Milani, a Vicchio di Mugello , dove è stato anche consigliere comunale. E' stato dirigente studentesco: presidente degli studenti universitari fiorentini (Oruf), di quelli di sinistra italiani (Ugi) e vice presidente della rappresentanza universitaria nazionale (Unuri). E' stato ricercatore al Censis. Ha lavorato come economista alle Nazioni Unite ( Unesco e Ilo ). E' stato segretario generale di Techint ; consigliere di amministrazione e vice-presidente di Enel ; presidente di Ice. E' stato Presidente di diverse imprese industriali e di servizi. Vice Presidente della Fondazione Einaudi e segretario generale del suo Opef. Ora è presidente della Inghilesi Sviluppo e Partecipazioni. Ha scritto alcuni libri , tra cui “Il volo del kiwi”; “Conversare ad Hangzhou: lezioni su sviluppo e sottosviluppo”; “Il fumo e il sole”; “Energia”. Ha collaborato a diversi giornali e riviste, tra cui: Il Giornale, il Riformista, l’Occidentale, Libero , La gazzetta Politica,L’Avanti, Il Sole 24Ore, Panorama ,Economy, Mercato e finanza, Cahiers d'art. Ha avuto il Compasso d’Oro dell’ADI ed è socio onorario del Comitato Leonardo. Ha una laurea honoris causa dell'Università di Salta, in Argentina e ha insegnato nelle università di Hangzhou e di Pechino, in Cina. E' olivicoltore e ornicultore (canarini gloster).
cattolici, Francia, presidenziali, Emmanuel Macron

Che cosa succede davvero tra Hollande e Macron

Il 12 luglio Emmanuel Macron, giovane ministro dell’Economia francese, ha organizzato un meeting di un movimento da lui creato, "en marche", in marcia, perché "tutto questo (la politica attuale) cessi...questo mondo è vecchio, usato, stanco, bisogna cambiarlo". Dice Macron "sono di sinistra; è la mia storia; la mia famiglia". Hollande l’aveva imbarcato nel Governo quando Moscovici fu trasferito all’Economia a…

Asterix e Obelix

Come si vive la Brexit in Francia

Nei villaggi francesi del nord come del sud, la Brexit non è vissuta con sofferenza. Sembra piuttosto un episodio del torneo europeo di calcio, con gli inglesi che hanno preso il pallone e se ne sono andati; e poi l'Inghilterra non è poi così amata (Scozia, Galles e Irlanda di più) da stracciarsi le vesti se esce dall'Unione Europea, che…

Migranti, ecco tutti gli orrori della giungla di Calais

3700 migranti stanno ammassati in un accampamento di fortuna a Calais in Francia, col desiderio di poter partire per l'Inghilterra. Di loro 326 sono bambini, in gran parte abbandonati. L'Inghilterra non ha alcuna intenzione di accoglierli. Il ministro degli Interni francese ha deciso l'inizio della evacuazione forzata del campo. 250 migranti e 10 associazioni umanitarie hanno fatto ricorso alla giustizia…

Chi brinda (e chi no) per il petrolio a basso costo

Il crollo del prezzo del petrolio (55% negli ultimi sei mesi, da 71 dollari a barile a 32 dollari a barile) ha fortemente avvantaggiato i Paesi importatori di energia e tra loro in particolare quelli più industrializzati; in effetti, bisogna unire alla caduta del prezzo del petrolio anche quella degli altri prodotti energetici fossili, carbone e gas. In Italia la…

Perché in Francia ci si accapiglia sulla nazionalità

“Décheance”, decadenza dalla nazionalità. La décheance sarà il tormentone del prossimo mese in Francia. Gli attentatori del 13 novembre a Parigi erano quasi tutti francesi, con doppia nazionalità (magrebini). Quindi, nella lotta anti-terroristica, il presidente Hollande e il suo governo hanno preannunciato di voler levare la nazionalità francese a coloro che compiano atti di “guerra” contro la Francia e che…

Come cambia la Francia dopo le Regionali

"La diga antifascista ha tenuto"; “Il Fronte repubblicano ha vinto": insomma i barbari sono stati cacciati. In questa euforia post-elettorale francese ci sono dettagli non trascurabili da sottolineare. La sinistra, di governo e non, ha perso in voti e in potere; e forse anche in dignità, quando ha chiesto ai propri elettori di votare per la destra, per impedire la…

Francia, ecco chi (non) ha vinto alle Regionali

Chi ha vinto nelle elezioni regionali francesi? Naturalmente tutti. Il Front national dice che era il primo partito al primo turno; e che è rimasto il primo partito al secondo turno, nonostante un forte aumento dei votanti, dal 50 al 60%; che ha combattuto uno contro dieci; che solo il sistema elettorale del “regime” lo ha penalizzato; e che in…

Regionali Francia, il Front National ha vinto (non ha stravinto)

Alle elezioni regionali francesi ha vinto la "estrema" destra? Non sembra proprio. Intanto il 50% degli aventi diritto non ha votato e il partito dei non votanti continua ad essere largamente maggioritario. È il partito del qualunquismo, dell’egoismo, dello scetticismo, della protesta e non dell’assenza. Si è trattato di elezioni regionali (oltretutto in regioni ridotte da 22 a 13, con…

Come cresce il terrorismo islamico a Parigi

“Cherchez la femme”, dicevano i francesi di una volta, quando dovevano scoprire i responsabili di fatti misteriosi. Dopo la tragedia parigina, le autorità francesi forse sono impegnate su un altro fronte, quello del “cherchez les armes”. Armi ed esplosivi hanno girato per Parigi come coni di gelato. Dalla produzione al consumo, la loro logistica sembra essere stata uno scherzo. I…

Perché le aggressioni ai manager di Air France devono preoccupare

La lotta sociale in Francia sta imbarbarendosi. Il 5 ottobre scorso due dirigenti di Air France sono stati aggrediti, strattonati, malmenati e hanno rischiato di farsi linciare da un gruppo di scioperanti dell’azienda, in prevalenza CGT (CGIL transalpina). Le immagini del direttore del personale con la camicia strappata a cavallo di una rete metallica, in fuga dai rivoltosi, ha fatto…

×

Iscriviti alla newsletter