Skip to main content

DISPONIBILI GLI ULTIMI NUMERI DELLE NOSTRE RIVISTE.

 

ultima rivista formiche
ultima rivista airpress

Avatar About Paolo Bonari

Presso l'Università di Bologna, ho conseguito una Laurea in scienze della comunicazione, nonché una Laurea specialistica in scienze della comunicazione pubblica, sociale e politica, ma comunicare non mi piace, e non sono bolognese. Presso l'Università degli Studi di Firenze, poi, ho frequentato la Scuola di Dottorato in Filosofia, ma la filosofia è noiosissima, a volte, e non sono fiorentino, comunque. Ho partecipato, in qualità di relatore, a convegni internazionali, qua e là, ma ho paura di volare - cioè, volare va bene, sarebbe bellissimo, è l'aeroplano che è un'idea sbagliata. Nato sul crinale che separa la Val d'Orcia dalla Val di Chiana, e pure quello è uno scontro di civiltà.

Silvio e i suoi nipoti

Prima o poi, qualcuno riuscirà a confessare la verità: i seguaci di Grillo sono tutti nipotini illegittimi di Berlusconi, dell'ossessivo presenzialismo televisivo che il Cav. ha imposto a tutti noi, da trent'anni a questa parte. Fanatici: pare che, fuori dallo streaming, siano molto più pragmatici e dialoganti e lavoranti, i grillini, e che tutto finisca, come per magia (nera), qualora…

La "spinta propulsiva" di Renzi

Il renzismo ha già esaurito quella sua "spinta propulsiva" - per citare Berlinguer - che tante speranze aveva destato? Sembra un po' presto, ma può anche darsi: o può darsi che quella spinta appartenesse al renzismo percepito, e non a quello reale, che essa fosse stata alimentata da una rara potenza retorica e declamatoria e da nulla più. Ma c'è…

Il ghigno di Jep

Non credo che possa essere un film a farci intravedere una qualche fine di un qualche tunnel, e non un film del genere, comunque, tutto giocato sulla dolcezza romantica e cool del declinare di tutte le cose e, in particolare, di Roma. Quello di Jep Gambardella è un ghigno, poi, non un sorriso, ed è lo stesso che l'attore, Servillo,…

La grande antipatia

E continuo a domandarmi perché, perché Fellini e Mastroianni mi siano così simpatici e Sorrentino e Servillo, invece, no, perché io non riesca proprio a sopportarli. Sarà soltanto per il fatto che tutto ciò che è passato e lontano sembra migliore di ciò che ci è contemporaneo? Boh. Non vorrei dedicare troppo impegno al chiarimento di un mistero che, magari,…

La bontà al potere

Eppure, Ignazio Marino è buonissimo, correttissimo, educatissimo: ottiene un'ennesima conferma, così, il sospetto che, spesso, il bene collettivo riescano a realizzarlo quelli un po' più ruvidi, i ragazzacci, coloro che, dando ragione a Jules Renard, avendo un pessimo carattere, hanno carattere. Che anni sono questi, in cui siamo costretti a non offrire più la nostra fiducia a coloro che espongono…

Renzi? È il Massimo!

Vengo afferrato da strani pensieri, dopo un paio di serate trascorse a documentarmi sugli ultimi fatti e fattacci politici. Prima, ho avuto modo di ascoltare Matteo Renzi, intervistato da Giovanni Floris, riguardo alla staffetta: ha rivelato che, insomma, è dall'interno del suo partito che sono giunte le sollecitazioni affinché prendesse il posto di Enrico Letta, nonché dagli altri partiti della…

Culti (e "mid-culti") accademici

Una postilla a ciò che scriveva Alfonso Berardinelli, ieri, sul "Foglio": sono anni che la più efficace critica culturale, che è anche critica sociale, va sostenendo posizioni simili alle sue, ma c'è da riflettere su che cosa sia diventata, in Europa, la formazione universitaria. Se si va a selezionare uno studente medio, proveniente da un qualsiasi ambiente umanistico, le probabilità…

L'uomo solo, nella "social" Italia

D'accordo: ci sono i rosiconi, i rosichini, i biliosi, gli invidiosi, i riottosi, come si poteva leggere sul "Foglio", ma ci sono anche quelli che hanno paura e che sperano, in cuor loro, che a Renzi vada tutto bene, perché, dopo di lui, non c'è che Grillo. Ancora ieri, Simone Baldelli, alla Camera, opponeva il "Paese strano" che è il…

Italia: ultima (rin)corsa

Sarebbe il caso di smetterla con la luna di miele iniziale, così come con il lancio del fango finale. Com'è che, da noi, tutti i governi partono bene e, passati pochi mesi, precipitano nel disastro? C'è da domandarsi se, piuttosto, non possa essere difettoso il nostro apparato sensoriale: forse, dopo qualche tempo, comincia a non funzionare più tanto bene, e…

I kapò(poco)comici e gli invisibili

E, tuttavia, gli italiani sembrano assegnare la palma del vincitore del duello a Renzi, se si va a dare un'occhiata a quel sondaggio. Li facevamo più fessi del dovuto? È possibile, perciò, che mettersi a salmodiare una manica di puttanate degne del peggior Hollywood - i buoni contro i cattivi, le rinnovabili contro i puzzoni, i cittadini onesti contro le…

×

Iscriviti alla newsletter