Perché dico no alla Via della Seta. Scrive Silli (Cambiamo)

Di Giorgio Silli

Nei giorni scorsi sul quotidiano La Nazione si è acceso il dibattito attorno alla Via della Seta dopo l’intervista al console cinese Wang Wengang (“Avrete grandi vantaggi”, ha assicurato alla città di Prato) e la risposta del sindaco pratese Matteo Biffoni (“Possiamo collaborare”). Pubblichiamo la lettera dell’onorevole Giorgio Silli (Cambiamo), membro della commissione Difesa della Camera e del comitato bicamerale Schengen, già assessore all’Immigrazione del Comune di Prato