Ieri la Grecia, oggi l'Ucraina. L'euro è di nuovo minacciato da una crisi?