La mossa Swift spinge Mosca ai colloqui. Ma Kiev non si fida