Il generale Claudio Graziano sarà il presidente del Comitato militare dell’Ue. Tutti i dettagli

Il generale Claudio Graziano sarà il presidente del Comitato militare dell’Ue. Tutti i dettagli

Il generale Claudio Graziano tra un anno assumerà l’incarico di presidente del Comitato militare dell’Unione europea. Il capo di Stato maggiore della Difesa è stato eletto battendo un candidato francese e uno tedesco (nessuno dei quali ricopre la carica di capo di Stato maggiore nei rispettivi Paesi) e dal 5 novembre 2018 prenderà il posto del generale greco Mikhail Kostarakos per un triennio. Graziano, 63 anni, nello scorso gennaio era stato prorogato dal Consiglio dei ministri al vertice della Difesa fino a quella data proprio per consentirgli di essere in servizio fino all’ultimo giorno utile. All’Ue l’Italia ha il precedente del generale Rolando Mosca Moschini (oggi consigliere del presidente della Repubblica) dal 2004 al 2006.

Graziano è stato eletto a Bruxelles dai 27 capi di Stato maggiore dei paesi aderenti all’Unione e si è detto “onorato della nomina a presidente dello European Union Military Committee” esprimendo “la gratitudine al Governo, e in particolare al ministro della Difesa, senatrice Roberta Pinotti, per il pieno supporto alla mia candidatura. All’attuale Chairman, il generale Mikhail Kostarakos, rivolgo un caloroso ringraziamento per lo straordinario lavoro svolto”. Il Presidente del Comitato Militare è la più alta autorità militare della Ue e, come tale, è il consulente militare dell’Alto Rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Unione, ma ha anche il compito di presentare i pareri e le decisioni di natura militare assunte dal Comitato militare presso il Comitato politico e di sicurezza (Psc), nonché di fornire direttive e linee guida al Direttore generale dello European Union Military Staff (Eums).

Graziano aveva concorso anche alla carica di presidente del Comitato militare della Nato dove, nello scorso settembre, era stato battuto dall’inglese sir Stuart Peach. Dal prossimo anno in Europa entrerà nel vivo il progetto di Difesa comune, pur se limitata inizialmente a un ristretto numero di nazioni, e il generale già nella prima dichiarazione ha fatto riferimento all’importanza di quel progetto e dunque al ruolo che il comitato militare dell’Unione dovrà svolgere.

E’ probabile che per semplici motivi di passaggio di consegne Graziano lascerà il vertice di Smd un po’ prima del 5 novembre 2018 e il suo più probabile successore dovrebbe essere l’attuale numero uno dell’Aeronautica, generale Enzo Vecciarelli, prorogato con altri vertici grazie alla recente decisione del governo di rendere triennali quegli incarichi.

ultima modifica: 2017-11-07T17:53:43+00:00 da Stefano Vespa

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: