Parigi, la satira e la sicurezza nazionale. Il commento di Stefano Vespa

Neanche il Covid fa passare in secondo piano l’odio per l’Occidente e il rischio è che gli esaltati che compiono gli attentati in Francia possano risvegliare i “dormienti” in altre nazioni. Meglio una vignetta di meno, se possibile. Il commento di Stefano Vespa

Più permessi, più accoglienza. Addio ai decreti Salvini (con polemiche). Il punto di Vespa

Approvati i nuovi decreti sicurezza ieri sera, introdotti la protezione speciale e il divieto di espulsione se c’è il rischio di tortura per il migrante. Ecco cosa cambia con la norma precedente voluta da Salvini e tutte le reazioni politiche nel punto di Stefano Vespa

Un punto per Salvini. Così le udienze di Catania possono cambiare la politica dell'immigrazione

Stefano Vespa racconta perché le udienze preliminari sul caso della nave Gregoretti e sull’accusa di sequestro di persona a carico di Matteo Salvini ricostruiranno il quadro delle politiche migratorie degli ultimi anni e non solo…

Rimpatri no, solidarietà sì. Perché sull'immigrazione il compromesso è difficile

Stefano Vespa analizza la riforma delle politiche migratorie dell’Unione europea, che dovrà sostituire il regolamento di Dublino. Ecco le novità che dovranno superare lo scoglio dei singoli Stati membri

di battista

Di Battista, la Puglia e la vera strategia del M5S. Il punto di Vespa

La Puglia è una delle regioni in bilico e un’eventuale sconfitta di Emiliano avrebbe un’eco a Roma. Messa nel calderone dei risultati delle numerose elezioni e del referendum, potrebbe contribuire all’ipotetico rimpasto di cui si parla da tempo. Il commento di Stefano Vespa

Dublino e immigrazione, la vera scommessa sarà accontentare tutti

La proposta per la revisione delle regole di Dublino che la Commissione europea metterà sul tavolo degli Stati membri dovrebbe accontentare tutti, obiettivo forse impossibile. Il punto di Stefano Vespa

Rimpatri più veloci. La ricetta Lamorgese anche per l'Algeria

Anche con l’Algeria l’Italia punta a rimpatri più veloci perché, nonostante sia la Francia la meta finale sognata dagli algerini, la prima tappa è sempre la Sardegna dove alla fine restano bloccati

Andreotti? “Cardinale esterno”. I diari segreti letti da Andrea Riccardi

L’intensità dei rapporti con la Santa Sede, da Pio XII a Giovanni Paolo II, e anche la Chiesa quotidiana, dai missionari ai drammi in tanti Paesi. Conversazione con Andrea Riccardi, storico e fondatore della Comunità di Sant’Egidio, che ha firmato l’introduzione al libro del senatore a vita “I diari segreti 1979-1989” (Solferino), curato dai figli Serena e Stefano Andreotti

Vi racconto dieci anni di segreti di mio padre Giulio. Parla Serena Andreotti

Il volume I diari segreti 1979-1989 di Giulio Andreotti, edito da Solferino, ripercorre dieci anni intensissimi della vita politica dello statista. La figlia del senatore, curatrice del libro con il fratello Stefano, racconta a Formiche.net la sorpresa nella scoperta di fatti inediti e l’importanza della famiglia nei diari lasciati dal padre