Le Punture di Spillo di Giuliano Cazzola

Il kombinat mediatico-giudiziario ha riscritto, in via di fatto, il comma 2 dell’articolo 27 della Costituzione. Ora si interpreta così: “L’imputato non è considerato innocente sino all’assoluzione definitiva’’.

++++

“Se le persone coinvolte in base a prove e indizi che dovrebbero indurre la politica e le istituzioni a rimuoverle in base a un giudizio non penale, ma morale o di opportunità, vengono lasciate o ricandidate o rinominate, è inevitabile che i processi abbiano effetti politici’’. Sono parole di Piercamillo Davigo, neo presidente della ANM, secondo il quale ‘’la presunzione di innocenza è un fatto interno al processo, non c’entra nulla coi rapporti sociali e politici’’. Proviamo a rendere operativa questa (singolare?) filosofia del diritto. Una personalità politica viene indagata (ovviamente per un fatto di rilievo penale); tocca al suo partito o alle istituzioni decidere se deve dimettersi (sulla base di una valutazione morale o di opportunità). Bene. Il partito sceglie la linea della rimozione. Alla fine, nel processo penale, i fatti contestati risultano insussistenti. Qual è il risultato? Peggio per il malcapitato: la presunzione di innocenza è “un fatto interno al processo’’. La “vera’’ colpevolezza è già stata accertata, dunque, al momento dell’avviso di garanzia e della pubblicazione delle intercettazioni? Che cosa c’è di più certo di qualche frase smozzicata detta al telefono ed inserita, negli atti giudiziari, a conferma di un’ampia ricostruzione “stile teorema’’?

++++

Prendiamo il caso dell’infermiera di Livorno (ne omettiamo il nome che è già stato fatto tante volte a sproposito) arrestata con l’accusa di aver ucciso ben 13 pazienti. Il Tribunale del riesame ne ha deciso la scarcerazione dopo una ventina di giorni di detenzione (e di massacro mass-mediatico). La direzione dell’Ospedale è autorizzata a prendere in considerazione “l’opportunità’’ di un licenziamento perché sulla dipendente rimane l’ombra di un sospetto che potrebbe creare problemi al buon funzionamento della struttura?

++++

Matteo Renzi ha affermato, in Senato, che “negli ultimi venticinque anni si è aperta una pagina di autentica barbarie legata al giustizialismo’’. Siamo nel 2016. Se andiamo indietro di un quarto di secolo arriviamo di arriva a coprire anche gli anni di Tangentopoli. Le parole del premier non possono ripristinare la giustizia violata in tanti casi, ma almeno tentano di ristabilire un po’ di verità storica.

Condividi tramite