Il giorno di Conte. I mercati ci credono, Juncker può dire sì

Il giorno di Conte. I mercati ci credono, Juncker può dire sì
Tra poche ore il premier volerà con Tria a Bruxelles. Dagli investitori arriva un segnale chiaro, la pax europea sul deficit si può ottenere

Ancora poche ore e si capirà se il premier Giuseppe Conte e il ministro dell’Economia Giovanni Tria riusciranno a convincere Jean Claude Junker che un deficit al 2% è accettabile, anche da parte di un Paese che non cresce (qui l’intervista di ieri a Leonardo Becchetti). A detta del governo, annacquare la quota 100 e il reddito di cittadinanza dovrebbe bastare ad aprire una breccia. Ma non è detto che su sponda Ue abbiano lo stesso metro di misura.

Quello che è sicuro è che il mercato scommette sulla buona riuscita dell’incontro. Gli investitori questa mattina, poco dopo le 11, lo hanno fatto capire bene. Sottoscrivendo 5,5 miliardi di debito italiano ma chiedendo un premio minore, sotto forma di tassi.

Questo significa che il debito italiano è diventato agli occhi degli investitori, un po’ più sostenibile di prima. Nessuno avrebbe chiesto cedole meno ricche se non credesse seriamente in una pax europea in grado di scongiurare la fastidiosa procedura di infrazione.

Questa mattina il Tesoro ha assegnato tutti i 5,5 miliardi di euro di Bot a 1 anno offerti in asta, con tassi in deciso calo e una buona domanda. Il rendimento medio del Bot si è attestato allo 0,37% dallo 0,63% dell’asta di novembre. La domanda ha visto un bid-to-cover pari a 1,62 volte contro 1,67 del precedente collocamento. E anche la Borsa sembra sperare, visto che Piazza Affari viaggia sui +0,8% e lo spread a 282 punti base.

A questo punto però la domanda è? Che cosa dicono a Palazzo Chigi? Anche da quelle parti l’ottimismo sul vertice Conte-Juncker non manca. “Il governo andrà oggi all’incontro con la Commissione europea convinto di avere buone motivazioni per trovare un accordo sulla manovra”, trapela. “La decisione sui saldi di bilancio è stata presa in una riunione prima del consiglio dei ministri, attualmente al momento ancora in corso.

Le stesse fonti si definiscono ottimiste sulla validità della proposta italiana”. Ancora, il governo ha definito i nuovi saldi della manovra che saranno presentati oggi dal presidente del consiglio al presidente della commissione europea Juncker”. Atmosfera positiva insomma, quasi natalizia.

ultima modifica: 2018-12-12T13:20:33+00:00 da Gianluca Zapponini

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: