L'economista autore di "Blue Economy: 10 anni, 100 innovazioni, 100 Milioni di posti di lavoro", nominato poche settimane fa consigliere del premier Conte, propone la soluzione per convivere con il coronavirus: "La soluzione è rafforzare il nostro sistema immunitario con aria, acqua e cibi sani". Le reazioni sui social

Mentre i governi di tutto il mondo, compreso quello italiano, si affannano nel difficile compito di limitare gli effetti disastrosi della pandemia del coronavirus, c’è chi sui social propone soluzioni quantomeno semplicistiche per sconfiggerla: “Rafforzare il nostro sistema immunitario con aria, acqua e cibi sani”. L’autore? Il nuovo consigliere di Giuseppe Conte, l’economista Gunter Pauli, secondo cui “abbiamo bisogno di così poco per sistemare il gran casino che abbiamo fatto – si legge nel messaggio su Twitter cui è allegata la foto di due maiali -. Dobbiamo solo essere umili e accettare di aver esagerato. Siamo così deboli che un virus ci stende”. Nessuna misura contenitiva, insomma, ma aria fresca, chissà se ad almeno un metro di distanza…

gunter pauli coronavirus

“Mi dicono che questo è un consigliere del nostro governo, spero non sia vero”, ha commentato Roberto Burioni, il virologo che in queste ultime settimane ha tenuto alta l’attenzione sulla gravità del contagio da Covid-19, spingendo per misure restrittive come quelle applicate dal governo italiano a cui si stanno accodando, lentamente, tanti altri Paesi europei come Spagna, Francia e la stessa Unione europea che proprio oggi ha deciso la chiusura dei viaggi per 30 giorni (qui i dettagli).

“Ma questo personaggio dai tweet bizzarri è effettivamente consigliere di @GiuseppeConteIT? Se così fosse sarebbe bene dare seguito ad un rapido defenestramento”, si legge in un tweet di Stefano Firpo, direttore generale di Mediocredito Italiano. A catena giornalisti e esperti si interrogano sull’opportunità del ruolo affidato all’economista belga, proprio in questo momento di crisi sanitaria, sociale ed economica.

In un tweet – poi cancellato – pubblicato gli scorsi giorni Puli aveva inoltre sottolineato come la pandemia avesse reso possibile “una vacanza per reni, fegato e non solo” (qui il tweet cancellato). Insomma, non tutto il male viene per nuocere, pare sottolineare l’economista belga, secondo cui il coronavirus – che ha causato ormai quasi 6000 vittime in tutto il mondo, oltre 1400 solo in Italia – offre a tutti la possibilità di fare una vacanza dall’inquinamento.

Pauli, ideatore dell’economia blu, è stato tra i pensatori più apprezzati da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, come ha ricordato Iacopo Iacoboni su La Stampa, all’indomani della nomina a consigliere di Conte. Il post con cui Grillo e Casaleggio introdussero l’economista era intitolato “E merda fu…”, ricorda Iacoboni, che spiegava così l’idea di riciclaggio: “Oggi l’impianto di riciclaggio è un orgoglio cittadino. L’escremento è un bottino. Siamo nella fase anale quando i bambini giocavano con la cacca traendone piacere”.

L’economista belga, ricorda nel suo lungo articolo Iacoboni, è contro la globalizzazione ma filocinese – “Io scrivo anche fiabe per bambini. In Cina, tutti i bambini cinesi leggono le mie fiabe grazie al governo. 735mila scuole” -, è l’ideatore delle ecotasse a cui si sono ispirati i 5 Stelle e, a quanto pare, fermamente convinto che per vincere la sfida della pandemia del coronavirus una passeggiata all’aria aperta sia la strada migliore. Alla faccia di #iorestoacasa.

Condividi tramite