Skip to main content

DISPONIBILI GLI ULTIMI NUMERI DELLE NOSTRE RIVISTE.

 

ultima rivista formiche
ultima rivista airpress

Ecco perché piaccio all’Iran. La replica di Cabras (M5S) via Fb

Con un post su Facebook dal titolo “Formicolii censori” (che riportiamo integralmente qui sotto) Pino Cabras, deputato del Movimento 5 stelle e vicepresidente della commissione Esteri della Camera, ha risposto a un articolo pubblicato su Formiche.net lunedì 12 ottobre a firma di Gabriele Carrer e Otto Lanzavecchia in cui gli autori hanno analizzato i contenuti di pergiustizia.com, il sito in lingua italiana che faceva parte della rete della disinformazione dei Pasdaran iraniani smantellata nei giorni scorsi dal dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti. Tra i libri suggeriti compariva anche “Strategie per una guerra mondiale. Dall’11 settembre al delitto Bhutto”, edito da Aisara e scritto nel 2008 da Pino Cabras.

Vengo citato in uno strano articolo-pastone comparso sul sito Formiche.net, una testata italiana di ispirazione ideologica ultra-atlantista e iper-liberista, sostanzialmente organica alle principali direttrici del Dipartimento di Stato USA, un apparato che sa produrre bene quel che Formiche rimprovera agli altri paesi: informazione irregimentata. Lo spunto è dato dalla chiusura d’imperio di un sito iraniano in lingua italiana, pergiustizia.com, decisa dal Dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti. Il sito – che peraltro non conoscevo – citava articoli e libri di personalità italiane non legate alla corrente principale dei media. Eccole dunque accomunate in un guazzabuglio unico, dove la parola dominante imprime a manca e a destra lo stigma di “complottista”, e dove tutti sarebbero succubi delle idee dei pasdaran iraniani. Copri il minestrone con la parola “inchiesta” e il rancio è servito. E mi raccomando: lordate tutti con la parola “rettiliani”, funziona sempre e Goebbels ci fa una pippa.

È abbastanza divertente tra l’altro che in questo articolo io venga definito un “habitué” di Byoblu.com. Se due interviste fanno di me un habitué, devo dedurre che l’unica mia intervista a Formiche.net faccia di me – se la matematica non è un’opinione – un suo “mezzo habitué” (https://formiche.net/2019/01/venezuela-cabras-m5s/). Mi ribello a questa menomazione. Mi intervistino ancora, così raggiungo il punteggio pieno, altrimenti l’universo si squilibra. E in ogni caso sono per un ampio pluralismo e contro le non infrequenti intimidazioni che giungono a carico di Byoblu e altri media non allineati. Non capisco l’accanimento con cui i media mainstream – che pure hanno un dominio incontrastato, un volume di fuoco ineguagliabile, un’egemonia tangibile che passa attraverso multinazionali che inglobano quasi tutti i flussi del web – non riescono a tollerare nessun minimo controcanto.

Comunque mi costituisco. La misura del mio interesse per il mondo iraniano non è data mica solo da un sito sconosciuto come quello spento dagli zelanti censori statali statunitensi. È tutto alla luce del sole. Sono dieci anni che vengo frequentemente intervistato dalla radio e dalla televisione pubblica iraniana, o che visito l’Iran. Credo che a loro faccia piacere che quel che ho da dire non sia “Bombardare l’Iran!”, come invece diceva il ‘quondam’ John McCain e una parte della stampa occidentale e israeliana a rimorchio delle guerre degli ultimi vent’anni. E a me fa piacere ricevere domande che mi consentono di dire quel che penso, senza censure. Molto semplice: voglio rendere possibile e fruttuoso uno scambio fra Italia e Iran, senza avventurismi militari, senza schermi ideologici, con un occhio costantemente rivolto – come per tutte le relazioni internazionali, e come fanno tutti – ai nostri interessi nazionali.

 


 

Onorevole Cabras, la ringraziamo per l’attenzione e prendiamo atto del suo sentirsi tutt’altro che a disagio dal vedere le proprie opinioni e i propri libri rilanciati dalla propaganda dei Pasdaran. Confidiamo che i suoi frequenti passaggi alla radio e alla televisione “pubblica” (si potrebbe dire “di regime”) iraniana e i suoi viaggi in Iran possano favorire l’emergere anche lì di quelli che lei definisce “media non allineati” al pari di ciò che è avvenuto e avviene in una democrazia come quella italiana.

Gabriele Carrer e Otto Lanzavecchia

×

Iscriviti alla newsletter