Il docente dell’università di Londra promuove il lavoro delle agenzie prima e durante l’invasione russa dell’Ucraina ma osserva: “Solo l’hard power può evitare un attacco”

Dal dispiegamento di forze russe al confine con l’Ucraina agli obiettivi, dai pretesti all’attacco su larga scala. L’intelligence anglosassone aveva previsto tutto mesi fa, come raccontato su Formiche.net. Ma l’intelligence da sola non basta, perché “non produce una strategia”, ha scritto Dan Lomas, docente di intelligence e studi sulla sicurezza alla Brunel University di Londra, in un’analisi per il centro studi britannico Rusi. Piuttosto, “rimane uno strumento per informare l’azione di governo”.

Formiche.net ha contattato Lomas per alcune domande sugli aspetti della guerra in Ucraina che riguardano l’intelligence.

Qual è la sua valutazione del lavoro dell’intelligence anglosassone in questo conflitto?

Le agenzie occidentali sembrano avere una buona copertura che va ben oltre le informazioni OSINT che vediamo. Dal ministero della Difesa britannico stiamo leggendo dichiarazioni relative al fatto che la Russia non avrebbe raggiunto i suoi scopi e obiettivi iniziali, il che suggerisce che c’è una comprensione più profonda dei piani della Russia.

E quanto al lavoro precedente l’invasione?

Anche l’intelligence pre-guerra sembra buona. Le linee d’attacco, le forze e gli obiettivi russi sono stati proiettati nei pre-buttal rilasciati dall’intelligence occidentale e c’è una discreta comprensione di come ha operato l’esercito russo. Il Cremlino può aver tenuto segreta la tempistica effettiva (sebbene anche qui gli Stati Uniti avessero detto che un’operazione sarebbe stata lanciata entro 48 ore) ma parti dell’attività militare russa sono sembrate un libro aperto.

La svolta “ipercomunicativa” dell’intelligence potrebbe aver fatto sentire il presidente russo Vladimir Putin sotto minaccia dall’interno e spingendolo a invadere l’Ucraina?

La mia ipotesi, ed è un’ipotesi, è no. Si è parlato di malcontento e sappiamo che c’è opposizione, ma il rilascio di informazioni specifiche può portare alla perdita di elementi. Inoltre, bisogna tenere presente che Putin potrebbe non essere stato scoraggiato dall’intelligence, figuriamoci da altro. L’intelligence non è un potere, nel senso di hard power militare. Può plasmare la politica, ma non può scoraggiare un attacco. Solo l’hard power può farlo e Putin è andato in guerra in questo caso. Come abbiamo visto nella fase precedente l’attacco e nella dichiarazione di guerra, è determinato a rovesciare il governo di Kiev.

Questo successo dell’intelligence potrebbe aiutare a recuperare la fiducia dopo i noti errori degli anni passati?

Sì e no. Le agenzie occidentali sono state molto brave, ma dobbiamo considerare che l’Iraq sarà citato per molto tempo – e lo era anche prima dell’invasione [russa dell’Ucraina]. A ciò si aggiunga che il pubblico ha spesso una percezione sbagliata dell’intelligence. Ciononostante, sappiamo che gli occidentali hanno generalmente livelli di fiducia più alti rispetto che altre parti del governo.

(Nella foto: la sede del Secret Intelligence Service)

Condividi tramite