Skip to main content

DISPONIBILI GLI ULTIMI NUMERI DELLE NOSTRE RIVISTE.

 

ultima rivista formiche
ultima rivista airpress

Chi è Vaghelis Marinakis, il berlusconiano greco interessato al Monza calcio

Vicinissimo al premier greco, è proprietario della squadra greca dell’Olympiacos. Ma soprattutto è socio dell’ex segretario al commercio Usa, Wilbur Ross: hanno fondato la terza più grossa compagnia al mondo di navi gasiere dimostrando di aver previsto con netto anticipo il nuovo business legato al trasporto del gnl

Non è solo il numero uno del calcio greco, ma un oligarca-armatore-editore che spazia dagli Usa all’Inghilterra, mettendo ora gli occhi su una squadra italiana. L’imprenditore greco Vaghelis Marinakis è interessato ad acquistare il Monza calcio che, dopo la scomparsa di Silvio Berlusconi, ha un passivo da più di 50 milioni e non rientra tra gli asset strategici della famiglia arcoriana. L’oligarca greco ha “seguito” la traccia berlusconiana sull’asse della diversificazione: nella sua carriera ha mescolato televisioni, quotidiani e calcio. A cui ha aggiunto il jolly gnl.

Media e navi

Figlio unico di un armatore greco cretese, è proprietario della Capital Maritime & Trading Corp e delle squadre di calcio Olympiacos in Grecia e Nottingham Forest in Inghilterra. Possiede le testate greche Ta Nea, To Vima e Mega Channel oltre ad aver “ereditato” le licenze televisive di un nome significativo del panorama imprenditoriale greco ed europeo come il gruppo Lambrakis. Nell’estate del 2019 Marinakis è diventato anche proprietario di una delle sette licenze per le stazioni televisive private che sono state messe all’asta dal Consiglio nazionale greco per la radio e la televisione, dopo che il governo di Alexis Tsipras aveva approvato una legge per riformare il panorama dei media.

Vanta un patrimonio personale da almeno 650 milioni di dollari ed è tra i primi 100 spedizionieri al mondo. Il suo gruppo, che controllava già circa 100 navi tra cargo, petroliere e cisterne, si è fuso nel 2018 con quello dell’ex segretario americano al commercio Wilbur Ross: il risultato è stato il matrimonio tra Capital Product Partners L.P e Diamond S Shipping creando uno dei maggiori player mondiali nel settore con una transazione del valore di 1,65 miliardi di dollari. In sostanza questo affare ha anticipato plasticamente l’evoluzione del settore, con le nuove richieste di navi gasiere per il trasporto di gnl dalla costa atlantica americana al Mediterraneo.

Atlantista vs putiniano

La sua compagnia è quotata al Nasdaq. Le sue interlocuzioni con il mondo conservatore greco e con quello americano sono anche alla base della feroce rivalità (non solo sportiva) con un altro oligarca, Ivan Savvidis, proprietario del Paok Salonicco e legato a doppia mandata, anche da un’amicizia personale, a Vladimir Putin.

Marinakis e Savvidis sono concorrenti anche in campo mediatico e politico, dimostrando plasticamente la polarizzazione degli oligarchi dell’Egeo: Savvidis è entrato anche nella privatizzazione del porto di Salonicco, assieme ad una società registrata a Cipro, passaggio che ha impensierito Washington dal momento che già Pireo è in mano a Cosco Cina (ragion per cui il porto di Alexandroupolis è attenzionato da player Usa, in attesa di scalarne le quote accanto alla via Carpatia). Marinakis siede da indipendente nel consiglio comunale del Pireo. È riuscito a far tornare il Nottingham Forest in Premier dopo 23 anni di assenza espandendo 162 milioni in 22 acquisti.

Investimenti e politica

Ha appena deciso un aumento di capitale per l’Olympiakos da 15 milioni di euro, per vincere il campionato greco e andare avanti in Champion’s League, dove a fare gola sono i diritti televisivi e gli incassi: è la terza ricapitalizzazione del medesimo importo in un anno, a dimostrazione di una grande disponibilità.

Suo padre, Miltiadis, è stato anche eletto in parlamento con Nuova Democrazia. Oltre al suo rapporto con l’ex premier conservatore Antonis Samaras, Marinakis ha sviluppato negli anni un rapporto molto stretto con una delle tre dinastie politiche del Paese, la famiglia Mitsotakis: della sorella del premier, Dora Bakoyannis, già ministra degli esteri, è stato testimone di nozze.

×

Iscriviti alla newsletter