Cipolletta

Next Generation Eu, attenzione ai conflitti di competenza. Il monito di Cipolletta

“I ministeri non devono essere bypassati”. Formiche.net ha intervistato l’economista e presidente di Assonime Innocenzo Cipolletta, che si è detto perplesso sulle ipotesi circolate in queste ore a proposito della governance per il Recovery Fund pur riconoscendo come il governo abbia fatto bene a porre il tema dell’organizzazione e del metodo

Nobili

Roma, Italia Viva non sarà alleata dei 5S in nessun caso. Parla Nobili

Italia Viva a Roma non si alleerà mai con i pentastellati, neppure nell’ipotesi in cui alla fine Virginia Raggi non dovesse essere della partita: “Lo schema nazionale non si può tecnicamente riproporre a Roma. Non ci può essere alcuna alleanza, in nessun caso”. E se il Pd facesse questa scelta? “Noi saremmo costretti a comportarci diversamente, ma non credo andrà così”. Parla Luciano Nobili, deputato di Italia Viva e punto di riferimento nella capitale del partito di Matteo Renzi

Maradona

Maradona tra pallone e politica. Il ritratto di Paolo Franchi

“Per tutto il novecento  c’è stato un particolarissimo rapporto tra pallone e politica che a modo loro sono in grado di scatenare passioni fortissime e di evocare immaginari che in molti casi si incontrano. Nel caso di Maradona questo aspetto è formidabile”. Il ritratto di Paolo Franchi, editorialista del Corriere della Sera e grande appassionato di calcio 

Durigon

Bertolaso sindaco di Roma? Ottimo ma non è l'unico. Parla Durigon (Lega)

Guido Bertolaso, al momento, sembra il nome più accreditato ma ci sono anche altre ipotesi allo studio su cui Claudio Durigon però non si è sbilanciato. Sempre civici o tecnici di area in grado di parlare a un elettorato più vasto, in linea con l’indicazione emersa dopo le regionali dello scorso settembre. Insomma, potrebbero non mancare le soprese

Bertolaso

Elezioni Roma, si scalda anche il centrodestra (ma l'ipotesi Bertolaso non convince tutti)

Profilo civico, di area, dalle riconosciute doti manageriali. È questo il ragionamento alla base del nome di Guido Bertolaso, proposto da Forza Italia. In teoria ineccepibile. Tuttavia pare che l’idea sia stata accolta, almeno per ora, tiepidamente dagli alleati. E il precedente della rottura nel 2016 non aiuta