Biden-Merkel, se la luna di miele è finita. L'analisi di Natalizia

From Russia, with love? La missione russa a Bergamo secondo Natalizia

Sarebbe interessante sapere quale livello di accesso abbiano avuto i team russi ai big data custoditi nei nostri ospedali, aziende sanitarie ed Rsa. A pensar male si fa peccato ma…L’analisi di Gabriele Natalizia, docente di International relations alla Sapienza e coordinatore di Geopolitica.info

Dal Covid-19 un nuovo ordine mondiale. I rischi per l'Italia. L'analisi di Natalizia

Italia e Ue sono al centro di un’azione di “soft power” di potenze come Cina e Russia che, terminata la crisi del Covid-19, potrebbero rivelarsi per quello che sono: rivali strategici. Forse non tutta la classe dirigente italiana lo ha compreso. L’analisi di Gabriele Natalizia, ricercatore di Scienza politica presso il Dipartimento di Scienze politiche di Sapienza Università di Roma

Italia-Usa, è tempo di una relazione speciale. Appunti per una scelta strategica

La nostra opzione migliore non solo resta quella americana, ma passa per un innalzamento di livello del rapporto tra i due Paesi a dispetto di chiunque ne sia alla guida. Ecco come fare, nell’analisi di Gabriele Natalizia, ricercatore di Scienza politica presso il Dipartimento di Scienze politiche di Sapienza Università di Roma

In Medio Oriente sono tutti contro tutti ma alleati di Putin. Quanto durerà?

Uno dei fattori che ha incentivato la scelta di Trump di ritirare le truppe americane dalla Siria è la possibilità di minare le fragilissime basi su cui da qualche tempo si regge l’inedita intesa tra Turchia, Iran e Russia. L’analisi di Gabriele Natalizia

Il Trono di spade ci ricorda che la vittoria di un'alleanza è anche la sua fine

Le ambizioni egemoniche sul continente sono riuscite a produrre quella che gli studiosi di Relazioni internazionali chiamano la “tendenza all’equilibrio” (Attenzione spoiler)

game-of-thrones trono di spade

L'ottava stagione di Game of Thrones. Viaggio nei meandri della geopolitica pop

Le prime due puntate dell’ottava stagione del Trono di Spade sono state accusate da molti di essere episodi di transizione, che tradiscono lo stile denso di colpi di scena della serie e, soprattutto, arrivano come fulmini a ciel sereno dopo quasi due anni di attesa. Forse non è proprio così (Attenzione spoiler)