Quel doppio passo di Draghi per dribblare i partiti. Scrive Pasquino