La Coppa Italia e il moralismo dal divano di casa