Gesti e volti di Giuseppe Conte alla conferenza stampa a Palazzo Chigi. Le foto di Pizzi

“È compito delle forze politiche decidere” se far proseguire e come l’azione di governo, ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte che ieri sera ha convocato una conferenza stampa per parlare della situazione venutasi a creare nell’esecutivo, e ha chiesto “una risposta chiara inequivoca e rapida. Il Paese – ha sottolineato – non può attendere”.

“Ho sempre ritenuto che il contratto fosse un elemento di forza del governo: è la modalità più lineare e trasparente per dar vita a un governo tra due distinte forze politiche con contenuti programmatici diversi e contesti valoriali distinti”.

“Mi sono determinato ad accettare l’incarico perché, pur consapevole di essere privo di una mia forza politica di sostegno, ho ritenuto di poter attingere dall’articolo 95 della Costituzione e alle prerogative ivi indicate, che definiscono ruolo e poteri del premier”.

“L’esperienza di governo ha dovuto convivere con un ciclo serrato di tornate elettorali con campagna elettorale pressoché permanente e ne ha risentito il clima di coesione delle forze di governo. Io stesso avevo sottovalutato questo aspetto. In particolare il voto delle europee, molto complesso, ha accreditato l’immagine di uno stallo nell’attività di governo: questa è una falsità, il governo ha continuato a lavorare perché è iniziata la fase due, dopo la fase 1″.

Altro tema toccato da Conte è stato quello della Tav: “Ho detto che oggi così com’è non la farei. Non la trovo conveniente ma mi ritrovo in fase di attuazione del percorso e o trovo un’intesa con la Francia e la Commissione europea o il percorso è bello e segnato”.

(Foto: Umberto Pizzi-riproduzione riservata)

 

ultima modifica: 2019-06-04T10:58:16+00:00 da Francesca Scaringella