Da De Gasperi a Craxi, nel segno dell’Occidente. Il convegno al Csa

Che cosa hanno avuto in comune Alcide De Gasperi e Bettino Craxi? L’Alleanza atlantica senza se e senza ma, la scelta dell’Occidente. Di questo si è parlato al Centro di studi americani, a Roma, nel convegno promosso dalla Fondazione De Gasperi, di cui è presidente l’ex ministro degli Esteri, Angelino Alfano, sulle politiche dei due statisti della Dc e del Psi.

L’Italia e le relazioni euro-atlantiche, da De Gasperi a Craxi è il tema di cui hanno discusso Margherita Boniver, presidente della Fondazione Craxi, Paolo Alli, segretario generale della Fondazione De Gasperi, Giovanni Orsina, presidente del Comitato storico-scientifico della Fondazione Craxi, ma anche gli accademici Daniela Preda, Ida Nicotra, Francesco Bonini, Leopoldo Nuti, Niccolò Petrelli, Maria Elena Cavallaro, Antonio Varsori.

Successivamente, in una tavola rotonda moderata da Flavia Giacobbe direttrice della rivista Formiche, si sono confrontati Stefania Craxi, l’ambasciatore Giulio Terzi di Sant’Agata, senatore di FdI, presidente della Commissione delle politiche europee, l’ex ministro dell’Ecomomia Giulio Tremonti, deputato di FdI, presidente della commissione Esteri, Alessandro Minuto Rizzo, già segretario generale ad interim della Nato.

(Foto Imagoeconomica – riproduzione riservata)

Condividi tramite