Tutti i volti della lista Caltagirone per Generali, da Cirinà in giù

Ieri Generali ha presentato i conti dell’anno appena trascorso, con un risultato operativo più alto della sua storia: 5,9 miliardi di euro (+12,4%) e un utile netto di 2,84 miliardi (in crescita del 63% sul 2020), una raccolta premi da 75,8 miliardi (+6,4%), mentre il solvency ratio si è attestato al 227%. Il dividendo proposto in assemblea sarà di 1,07 euro.

Ma ieri non è stata solo la giornata di conti rosei: lo sfidante dell’attuale amministratore delegato Philippe Donnet, Francesco Gaetano Caltagirone, ha presentato i nomi con cui all’assemblea di aprile sfiderà la lista costruita dal cda.

Luciano Cirinà, di Trieste e nel Leone da molti anni, è candidato a ricoprire il ruolo di ceo. Oggi è il capo dell’Austria e dell’Est Europa per Generali, dunque a diretto riporto di Donnet.  Per la presidenza, invece, è stato indicato Claudio Costamagna. Già Goldman Sachs e Cdp, l’anno scorso aveva fondato la Spac Revo insieme ad Alberto Minali (ex dg Generali) con cui hanno rilevato la compagnia assicurativa Elba. Operazione già chiusa per lui, che ieri sera comunicava di aver lasciato ogni incarico in Revo.

Gli altri candidati, a parte lo stesso costruttore romano, non sono legati agli attuali soci, in particolare a Leonardo Del Vecchio, altro azionista di peso che sta sfidando l’attuale management. Un legame con Luxottica c’è però: tra le sei donne in lista c’è l’economista della Sapienza Marina Brogi, che dal 2015 siede come indipendente nel cda del colosso dell’occhialeria.

Spicca anche il nome di Flavio Cattaneo, una carriera in Terna e poi ruoli di primo piano in Tim e Ntv, oggi fondatore e azionista di Italbus. Alberto Cribiore viene da Merril Lynch e Citi; Paola Schwizer insegna economia a Parma; Maria Varsellona è general counsel di Unilever; Roberta Neri (ex Enav e Acea) è stata membro del board Cementir (gruppo Caltagirone); Andrea Scrosati ha guidato Sky Italia e ora Fremantle in Europa; il super-banchiere Stefano Marsaglia (Barclays, Rothschild, Mediobanca); Patrizia Michela Giangualano, attualmente nel cda di Leonardo, Ferragamo e Saipem; Nicoletta Montella, che si occupa di Legal e Compliance in Ntv.

Condividi tramite