Skip to main content

DISPONIBILI GLI ULTIMI NUMERI DELLE NOSTRE RIVISTE.

 

ultima rivista formiche
ultima rivista airpress

Chi ha parlato di Europa con Urso e Fitto. Le foto

1 / 49
Raffaele Fitto, Adolfo Urso
2 / 49
Paolo Quercia
3 / 49
Adolfo Urso
4 / 49
Adolfo Urso
5 / 49
Adolfo Urso
6 / 49
Luigi Di Gregorio
7 / 49
Beniamino Quintieri
8 / 49
Paolo Quercia
9 / 49
Adolfo Urso, Luigi Di Gregorio
10 / 49
Matteo Galmetti
11 / 49
Adolfo Urso
12 / 49
Mauro Mazza
13 / 49
Beniamino Quintieri
14 / 49
Adolfo Urso
15 / 49
Mauro Mazza
16 / 49
Bassam Essam Rady A. Rady
17 / 49
Mauro Mazza
18 / 49
Bassam Essam Rady A. Rady
19 / 49
Bassam Essam Rady A. Rady
20 / 49
Paolo Quercia
21 / 49
Luigi Di Gregorio
22 / 49
Matteo Galmetti
23 / 49
Flavia Giacobbe
24 / 49
Luigi Di Gregorio
25 / 49
Raffaele Fitto
26 / 49
Raffaele Fitto, Adolfo Urso
27 / 49
Paolo Quercia
28 / 49
Matteo Galmetti, Flavia Giacobbe
29 / 49
Guido Castelli, Paolo Quercia, Adolfo Urso
30 / 49
Mauro Mazza, Guido Castelli
31 / 49
Paolo Quercia
32 / 49
Matteo Galmetti
33 / 49
Raffaele Fitto
34 / 49
Mauro Mazza, Guido Castelli
35 / 49
Adolfo Urso, Matteo Galmetti, Luigi Di Gregorio
36 / 49
Bassam Essam Rady A. Rady
37 / 49
Vittorio Emanuele Parsi
38 / 49
Vittorio Emanuele Parsi
39 / 49
Andrea Margelletti
40 / 49
Bassam Essam Rady A. Rady
41 / 49
Mauro Mazza
42 / 49
Mauro Mazza
43 / 49
Paolo Quercia
44 / 49
Luigi Di Gregorio
45 / 49
Paolo Quercia, Luigi Di Gregorio
46 / 49
Beniamino Quintieri
47 / 49
Beniamino Quintieri
48 / 49
Raffaele Fitto
49 / 49
Raffaele Fitto, Luigi Di Gregorio

Un rafforzamento esterno dell’Europa oggi passa per un suo rafforzamento interno, questo implica che la cessione di un po’ di sovranità nazionale a favore dell’Europa non presuppone la sua perdita. Perché l’interesse nazionale passa per la cessione di sovranità, questo implica anche l’emissione del debito comune, perché non è plausibile che ciascun Paese possa raggiungere da solo obiettivi importanti come quelli attuali. Una cessione di sovranità per una politica industriale comune va nella direzione dell’interesse nazionale.

In ambito europeo, la composizione degli interessi nazionali è più complicata se si parte da una considerazione per cui la costituzione di una maggiore sovranità europea sottrae sovranità nazionale. Ma il processo di unificazione europea non ha sottratto nessuna sovranità nazionale, consente invece un flusso di sovranità che fa la differenza tra vincere e perdere a livello globale. Su questo devono lavorare i conservatori europei.

Ne hanno parlato Adolfo Urso, ministro delle Imprese e del Made in Italy, Raffaele Fitto, ministro per gli Affari europei, le politiche di coesione e il Pnrr, Flavia Giacobbe, direttore della rivista Formiche, Paolo Quercia, docente di Studi strategici presso l’Università di Perugia, Beniamino Quintieri, professore di Economia e finanza presso l’Università Tor Vergata, Bassam Essam Rady A. Rady, ambasciatore della Repubblica araba d’Egitto, Andrea Margelletti presidente del Cesi e Vittorio Emanuele Parsi, professore di relazioni internazionali all’Università Cattolica.

Moderati da Luigi Di Gregorio, direttore scientifico Farefuturo e Mauro Mazza, direttore editoriale Farefuturo. Ha tirato le conclusioni dell’incontro Gabriele Checchia, direttore relazioni internazionali Farefuturo (qui l’articolo completo).

(Foto: Imagoeconomia-riproduzione riservata)

×

Iscriviti alla newsletter