Addio Sergio Zavoli, padre della televisione italiana. Foto dall’archivio Pizzi

“La scomparsa di Sergio Zavoli rappresenta una perdita incolmabile non solo per la Rai, con la quale la sua storia professionale e personale è profondamente intrecciata, ma per tutto il Paese”. Lo affermano in una nota il presidente della Rai Marcello Foa e l’ad Fabrizio Salini commentando la notizia della morte dello storico giornalista e presidente Rai avvenuta ieri sera a Roma.

“Dopo aver esordito in radio ed aver dato anche in quei primi anni il suo insostituibile contributo, Sergio Zavoli, successivamente impegnato con spessore e intelligenza nel giornalismo sportivo, ha firmato inchieste articolate e penetranti che hanno segnato in profondità la storia civile del paese – ricordano – approfondimenti come ‘Nascita di una dittatura’ e ‘La notte della Repubblica’ hanno ripercorso in forma problematica pagine drammatiche di storia nazionale mettendo in luce elementi di debolezza e anche capacità di riscatto della società italiana in quei cruciali passaggi. La presidenza della Rai in anni difficili, ruolo svolto sempre con spirito di servizio autentico, ha caratterizzato in profondità un passaggio fondamentale nella storia dei media in Italia”. “Il successivo periodo nelle Istituzioni come senatore della Repubblica e il ruolo di presidente della Commissione di Vigilanza sul sistema radiotelevisivo sono stati il naturale completamento di un percorso di impegno civile, che Zavoli ha interpretato con un senso profondo dello Stato, inteso come articolazione delle istituzioni democratiche e di servizio alla comunità nazionale. Scrittore attento e acuto, ha valorizzato la lingua italiana utilizzandola con sapienza di volta in volta per veicolare notizie, impressioni, descrivere fatti, spiegare fenomeni sociali e processi politici complessi; Sergio Zavoli è stato un intellettuale al servizio del paese formatosi e cresciuto in Rai, autenticamente intesa come Servizio Pubblico”, conclude la nota.

Cordoglio e messaggi da tutto il mondo della politica e della cultura per ricordarne l’eredità e gli insegnamenti.

Ecco una selezione di foto d’archivio di Umberto Pizzi per Formiche.net.

(c) Umberto Pizzi – Imagoeconomica

Condividi tramite