Gli Usa rispolverano il cyber-ambasciatore (che in Italia c’è già)