Vi racconto quella “colomba d'acciaio” di Sharon