La Malfa, Maccanico e le diatribe repubblicane sulla Costituzione riformata