Tagikistan, il Paese dove accedere a Facebook è un’insurrezione