Tra Brunello Cucinelli e la "Great Resignation". Il nuovo mondo del lavoro