Skip to main content

DISPONIBILI GLI ULTIMI NUMERI DELLE NOSTRE RIVISTE.

 

ultima rivista formiche
ultima rivista airpress

Tutti i “Leader per forza” di Funiciello raccontati alla Luiss. Le foto

1 / 65
Luigi Gubitosi
2 / 65
Ernesto Maria Ruffini, Giuseppe Zafarana, Luigi Gubitosi, Paolo Gentiloni, Romano Prodi
3 / 65
, Luigi Gubitosi, Paolo Gentiloni, Romano Prodi, Antonio Funiciello e Fabio Corsico
4 / 65
Gianni Letta
5 / 65
Luigi Gubitosi e Romano Prodi
6 / 65
Luigi Gubitosi e Romano Prodi e Paola Severino
7 / 65
Giuseppe Zafarana e Ernesto Maria Ruffini
8 / 65
Luigi Abete e Paola Severino
9 / 65
Paolo Gentiloni, Luigi Gubitosi e Fabio Corsico
10 / 65
Fabio Corsico e Antonio Funiciello
11 / 65
Antonio Funiciello
12 / 65
Luigi Gubitosi e Fabio Corsico
13 / 65
Paolo Gentiloni, Luigi Gubitosi
14 / 65
Paola Severino
15 / 65
Paola Severino
16 / 65
Gianni Letta
18 / 65
Luigi Gubitosi
19 / 65
Paolo Gentiloni,
21 / 65
Gianni Letta
22 / 65
Gianni Letta
23 / 65
Luigi Gubitosi e Paola Severino
24 / 65
Romano Prodi
25 / 65
Fabio Corsico
26 / 65
Paolo Gentiloni
28 / 65
Giuseppe Zafarana
29 / 65
Paola Severino e Bruno Frattasi
30 / 65
Francesco Di Ciommo
31 / 65
Paolo Gentiloni e Luigi Gubitosi
32 / 65
Luigi Gubitosi e Fabio Corsico
33 / 65
Luigi Contu
34 / 65
Antonio Funiciello
37 / 65
Luigi Gubitosi
39 / 65
Romano Prodi e Paolo Gentiloni
40 / 65
Romano Prodi
42 / 65
Romano Prodi
43 / 65
Romano Prodi
44 / 65
Gianni Letta e Romano Prodi
45 / 65
Paolo Gentiloni
46 / 65
Antonio Funiciello
47 / 65
Antonio Funiciello
48 / 65
Antonio Funiciello
50 / 65
Paolo Gentiloni
51 / 65
Paolo Gentiloni
53 / 65
Antonio Funiciello
54 / 65
Antonio Funiciello
55 / 65
Antonio Funiciello
56 / 65
Fabio Corsico
57 / 65
Paolo Gentiloni, Luigi Gubitosi, Fabio Corsico e Antonio Funiciello
58 / 65
Luigi Abete, Bruno Frattasi, Romano Prodi e Paola Severino
59 / 65
Paolo Gentiloni, Fabio Corsico, Antonio Funiciello, Romano Prodi
60 / 65
Luigi Gubitosi, Fabio Corsico, Antonio Funiciello, Bernanrdo Mattarella e Gianni Letta
61 / 65
Bruno Frattasi e Antonio Funiciello
62 / 65
Antonio Funiciello
63 / 65
Antonio Funiciello
64 / 65
Luigi Abete e Antonio Funiciello
65 / 65
Luigi Gubitosi e Romano Prodi

Romano Prodi, Gianni Letta, Luigi Gubitosi, Fabio Corsico e Paolo Gentiloni hanno presentato ieri alla Luiss l’ultimo libro di Antonio Funiciello, già capo di gabinetto a Palazzo Chigi proprio con il commissario europeo e fino allo scorso anno con Mario Draghi.

Nel volume, “Leader per forza. Storie di leadership che attraversano i deserti”, edito da Rizzoli, l’autore prende in esame tre coppie di politici del passato: Golda Meir e Harry Truman, Cavour e Lincoln, Nelson Mandela e Václav Havel. Raccontando anche altri personaggi, da Angela Merkel a Draghi e partendo da Mosè, colui che guida un popolo nel deserto dell’incertezza.

Il tutto per tracciare una sorta di ritratto del leader assente e di cui invece c’è assoluto bisogno per affrontare la sfida del presente. Ha detto  Gianni Letta ”Molto spesso sono le circostanze a fare un leader. Vogliamo talento e fortuna. Ma le leadership sono essenziali in una democrazia funzionante. Oggi c’è tanta crisi di leadership forse perché parlano di Stato ma non so quanto ragionino di Stato”, ha sottolineato.

Per Gubitosi, presidente dell’università Luiss Guido Carli, ”non c’è una ricetta magica per essere leader. È impossibile ottenere una carriera di leader, è una questione di opportunità, di fortuna”. E inoltre: “La capacità di prendere decisioni. La caratteristica che manca di più in politica oggi è forse proprio la mancanza di decisione”, ha affermato il presidente.

”Le leadership democratiche in questo momento faticano di più. Per la difficoltà nella capacità di decidere. Le leadership autocratiche possono decidere più velocemente, non devono rendere conto ad alcun processo democratico”, ha osservato l’autore del libto. ”Si va definendo un equilibrio nuovo. In questa capacità di leggere il contesto di trasformazione che viviamo, si misurano le leadership attuali. Gli arcieri bravi, diceva Machiavelli, sono quelli a cui non si cosa mirino. Ma siamo noi ‘follower’ a non capirlo, lui il leader lo sa benissimo perché vede più lontano”.

Per Paolo Gentiloni “Funiciello è un intellettuale manager”, ha detto. “La sua passione è la politica condita di cultura, ma anche la manovra politica. Quello che succede attorno alla politica, che si muove nelle stanze del potere perché si diverte”. “Le leadership possono essere fortissimamente volute”, ha continuato. “Ma possono anche arrivare per caso, come i leader per caso che cita Funiciello. Se mi chiedessero chi sarebbe un leader oggi direi Zelensky, che è diventato quello che è diventato grazie alla invasione russa che con la sua tenuta riesce a difendere i nostri valori”.

(Foto: Imagoeconomica-riproduzione riservata)

×

Iscriviti alla newsletter