Caro Conte (e cari partiti), giù le mani dai Servizi Segreti