Il jolly Scholz per gli orfani di Merkel. Le elezioni viste da Niglia