Ma la convergenza dei programmi fra Pd e M5S è possibile. Lo spiega Becchetti

I 20 punti portati da Luigi Di Maio nelle mani di Giuseppe Conte non confliggono con le istanze del Partito democratico. Il commento di Leonardo Becchetti: “Sulla parte economica e ambientale mi sembra che ci siano molti punti in comune”

Tutti in piazza! Ecco come Salvini organizza la Lega di opposizione

Matteo Salvini si prepara a fare opposizione contro il neo governo Pd e M5S in procinto di nascere. All’orizzonte una manifestazione di piazza (con Meloni e Toti) e una campagna elettorale/propaganda incentrata sui temi chiave “Conte come Monti” e “Europa matrigna”

Beppe Grillo legge Formiche. Il governo dei competenti non è più fantasia

Il leader storico del M5S fa propria l’idea lanciata dal nostro giornale e chiede di fare un passo indietro per le poltrone: solo competenti, non politici

Programmi? Macché. Calenda svela: mi avevano offerto la poltrona di ministro

L’addio di Calenda al Partito democratico e la rivelazione via tweet. Forse le discussioni nel Pd sul governo giallorosso non erano solo sui programmi…

L’uomo del Colle ci crede. Zingaretti e Di Maio pronti al governo (Conte 2?)

Pd e M5S mettono il turbo alla trattativa. Faccia a faccia fra Zingaretti e Di Maio. Accordo ad un passo. E la Lega (con Fratelli d’Italia) inizia a strillare. La ministra Locatelli spera che “il popolo insorga”. Sic!

È Cairo il leader del centrodestra che (ancora) non c’è? Ecco il suo programma

Il presidente di Rcs sembra ricalcare le orme del suo mentore, Silvio Berlusconi. E se rifugge la politica degli annunci, in una lunga conversazione con Annalisa Chirico svela il suo programma. Che è tutto un programma

Da Casini a Landini, tutti i tifosi del Conte bis. Zingaretti, (ri)pensaci!

Oltre agli attestati di stima provenienti dalle cancellerie europee, aumentano le voci di chi sostiene la necessità che il veto su Conte da parte del Pd venga superato. Registriamo le voci di Pier Ferdinando Casini, di Andrea Marcucci e di Maurizio Landini. E poi c’è il turbo leghista salviniano Claudio Borghi che spiega a Zingaretti perchè Conte sarebbe il “vostro premier perfetto”…

Il Pd fa sul serio. E Conte, fra Trump e Ursula, incassa la simpatia renziana...

Il diario della crisi più pazza del mondo ci consegna una giornata di tatticismi incrociati che però danno il senso complessivo dello sforzo in corso per dare al Paese un nuovo governo. Zingaretti è in campo. Ma anche Conte che dichiara dal G7 e trova la sponda dei renziani

Ma il Pd è proprio sicuro di voler rinunciare a Conte? De Mattia invita a pensarci su...

Giuseppe Conte ha saputo costruire una rete di relazioni con i partner internazionali e ha una conoscenza approfondita dei dossier fondamentali. Perché escludere un suo ruolo a Palazzo Chigi? L’editoriale dell’ex Bankitalia Angelo De Mattia su MF

Mattarella concede i supplementari. La crisi più pazza del mondo continua

Il Capo dello Stato ha voluto concedere 5 giorni in più ai partiti per trovare una possibile intesa. Altrimenti sarà il voto