Vita da Campioni, parata di stelle al Foro Italico. Le foto

Durante gli Internazionali Bnl d’Italia del Foro Italico si sono svolti, moderati da Roberto Arditti, direttore editoriale di Formiche.net, i talk di “Vita da Campioni” che hanno animato una serie di dibattiti sull’innovazione, digitalizzazione e riforma dello sport.

Insieme al presidente e ad di Sport e Salute Vito Cozzoli, sono stati presenti il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, il presidente della Fit, Angelo Binaghi e il capitano della Nazionale azzurra di Billie Jean King Cup, Tathiana Garbin. Con loro le tre Legend di Sport e Salute, Andrea Lucchetta, Campione del Mondo di pallavolo e bronzo olimpico a Los Angeles 1984, Manuela Di Centa, 7 medaglie ai Giochi Olimpici nello sci e Massimiliano Rosolino, 4 medaglie ai Giochi Olimpici.

In platea anche il politico, Simone Valente, e il dg di Sport e Salute, Diego Nepi.

“Ora c’è un lavoro doppio da fare, proprio adesso nel momento in cui si riparte, richiamando i tanti ragazzi che hanno abbandonato l’attività sportiva – ha dichiarato il ministro Giorgetti. “In Italia – ha continuato – siamo particolarmente bravi a ospitare i grandi eventi, dobbiamo saper valorizzare tutto questo anche per la ricaduta diffusiva, per l’attrazione che tali eventi possono avere per i giovani”.

“Ringrazio il Ministro Giorgetti, con Simone Valente avete cambiato il modello, dal 2018 lo Stato si è fatto carico delle politiche pubbliche in materia di sport. Lo sport di alto livello ha prodotto risultati grandissimi nel 2021, mai come in questi anni sono state generate risorse governative per lo sport, pari a 2,3 miliardi. La riforma ha funzionato” – ha affermato il presidente Cozzoli, spiegando che “Sport e salute promuove l’anima sociale e industriale dello sport”, ed ha quindi fatto riferimento a Wesportup: “Qui adesso siamo nella nuova casa dell’innovazione nello sport, Wesportup, il primo acceleratore di startup sportive e per il wellness. Nel report europeo Sportstechx appena uscito, tra gli 11 acceleratori ed incubatori di start up dello sport è entrato anche WeSportUp. È la prima volta nella storia del Paese”.

Anche Binaghi, presidente Fit ha dichiarato: “Giorgetti è anche il grande responsabile di tutte le trasformazioni e del nostro successo degli ultimi anni. Ci ha cambiato la vita, incaricandoci di portare avanti l’obiettivo Nitto ATP Finals. La FIT è oggi un’azienda che con il triplo del fatturato e tanti obiettivi, che segue obiettivi completamente differenti rispetto al passato. Siamo figli della riforma Giorgetti-Valente, che ho apprezzato e per la quale ho collaborato con Sport e Salute da subito”.

“In tutta questa discussione non possiamo perdere il focus sugli atleti e le atlete, che portano a innalzare la squadra. Da atleta, è bellissimo avere dietro una relazione che sa valorizzarti” – ha detto la Legend di Sport e Salute Manuela Di Centa. “Se voglio fare sport di vertice devo allargare la base del triangolo – ha commentato Lucchetta, altra legend di Sport e Salute. “Dobbiamo animare la voglia dei bambini di fare sport”.

“La vita è diventata un decoder, è difficile stare dietro a tutto. Lo sport continua ad avere una dimensione importante e mi auguro che possa essere sempre più trasversale. Quel che conta è che non deve mai mancare l’entusiasmo. Dobbiamo dare valore all’indotto dello sport e dobbiamo essere fieri di fare anche quello che non sappiamo fare” – ha concluso il Legend Rosolino.

Durante le giornate dei dibattitti si sono seduti nel salotto di WeSportUp anche Giuliano Amato, Massimo Garavaglia, Roberto Speranza e Roberto Gualtieri fra gli altri.

 

Condividi tramite

Guarda le altre gallery fotografiche