L'industria sta facendo la sua parte, la politica (ancora) no. Scrive Polillo